“Andria tra assalti in automobile e i lavori della Questura ancora in fase di completamento”

“L’ennesimo episodio criminoso registrato la sera di sabato 18 luglio ad Andria non è un episodio da condannare a parole, in una trasmissione televisiva tematica all’interno del palcoscenico della tribuna elettorale piuttosto che con l’esternazione sterile, spesso infantile e strumentale di parole di vicinanza, di condanna e di presa di distanze dal brutale episodio che ha visto vittima una famiglia andriese di ritorno da una serata di festa. Non basta. Non basta così come non basterebbe rallegrarsi per lo stato più o meno avanzato per la realizzazione della Questura mentre i ritardi accumulati avrebbero dovuto togliere definitivamente la parola a chi ha fatto parte ed addirittura ancora farebbe parte, a pieno titolo ma non sappiamo se davvero a pieno merito, del sistema politico-amministrativo-burocratico che ha consentito di accumulare tali ritardi imperdonabili. Così come hanno fatto tutti i suoi predecessori anche il neo Procuratore di Trani Renato Nitti ha sottolineato la necessità di portare a compimento l’opera provinciale. Esattamente come hanno fatto tutti i Prefetti della Bat, compreso l’ultimo in carica dott. Maurizio Valiante” – lo ha ricordato il sindacalista andriese Savino Montaruli, Presidente anche dell’associazione “Io Ci Sono!” di Andria. Montaruli ha inoltre aggiunto:

“Dalla nostra Associazione “Io Ci Sono!” la sincera vicinanza a quella famiglia vittima del gesto criminoso e soprattutto ai due bimbi piccoli a bordo dell’auto che, pare a causa del tamponamento, si è poi ribaltata. Una tragedia sfiorata che alimenta ulteriori ed inquietanti interrogativi sullo stato di sicurezza della città di Andria e dell’intero territorio. Interrogativi che oggi qualche aspirante allo scranno della politica cittadina e regionale potrebbe far apparire essere nuove emergenze che vanno affrontate con vigore, con severità, con senso di appartenenza, di amore per la città e per il territorio, coinvolgendo tutti gli attori e….bla bla bla, fino all’ipocrisia più assurda, banale e persino ridicola. I fatti fino ad oggi sono mancati: questa è la realtà e di quella realtà venuta a mancare sono in tanti i responsabili che, cambiando maschera ad ogni rappresentazione teatrale, continueranno a dire “ce la faremo”, mentre la città è sempre più spregiudicata nelle mani di chi vive la propria vita senza timori, al di fuori di qualunque regola quasi certo di farla sempre franca restando impunito” – ha concluso Montaruli.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).