Andria: “tre grossi ratti uccisi da cani randagi. Ecco dove”

Tre grossi esemplari di ratto sono stati individuati da un cittadino andriese. Il timore è che questo fenomeno possa rappresentare un rischio di proliferazione. Stando alla ricostruzione fornita dal cittadino segnalatore, i tre esemplari di ratto sarebbero stati uccisi da alcuni cani randagi. Il rischio è duplice se si considera che questi animali sono potenziali portatori di malattie che potrebbero essere trasmesse anche ai cani e che a loro volta potrebbero trasmetterle agli umani in caso di morso accidentale. L’episodio è stato segnalato nei dintorni di via Malpighi, nella periferia della città di Andria. La foto giunta attraverso il sistema di segnalazione mobile di VideoAndria.com:

Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, immagini per la pubblicazione, mentre, per seguire tutte le news in tempo reale, vi consigliamo di cliccare “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/VideoAndriaWebtv oppure iscriversi a, gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui o in alternativa scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.