Andria: una partita in “memoria di Gabriele”, scomparso nell’incidente ferroviario

L’associazione “In viaggio verso…” è un’ associazione culturale e di volontariato, che ha l’obiettivo principale di creare spazi di aggregazione, di inclusione e di integrazione per i giovani andriesi. Il raggiungimento di questo obiettivo è possibile grazie all’organizzazione di svariate attività, dove i giovani possano comprendere più a fondo non solo l’importanza del volontariato e dell’aiuto del prossimo, ma anche della cultura nelle sue svariate forme. “Per fare un esempio, lo sport è per noi un’attività culturale, perché educa al rispetto del prossimo e delle regole basilari di convivenza necessarie per vivere in società” – fanno sapere dall’associazione. 

“Il “Seven Memorial” è un evento sportivo che organizziamo una volta al mese per ricordare la persona per cui questa associazione è nata: Gabriele. Una persona che rappresenta la vera forza di questa associazione, che con il suo spirito d’ iniziativa e la sua forza di volontà ci ha dato la spinta per creare qualcosa di bello e significativo nella nostra città. Abbiamo capito che è ora di smetterla di lamentarsi e di iniziare a creare occasioni di incontro e di crescita in una città che viene da sempre maltrattata e disprezzata”.

“Conoscere e includere più giovani con la scusa dello sport dà la possibilità a nuovi rapporti di nascere ed eventualmente rafforzarsi. Il ruolo dell’associazione è quello di creare occasioni in cui i giovani possano interagire tra loro, dato che purtroppo si registra un’insufficienza di occasioni di questo tipo in città. Pensiamo che ogni persona sia ricca di tante sfaccettature e di tante doti che a volte non trovano spazio per esprimersi, ed è per questo che con le nostre attività cerchiamo di fare in modo che tutti, in modo giocoso, inizino a mettersi alla prova per conoscere prima di tutto se stessi, e poi gli altri”.

“Ogni 12 del mese organizziamo una partita di calcio presso le varie strutture sportive di Andria, cercando di coinvolgere giocatori sempre diversi per far sì che si avvicinino in tanti alla nostra associazione. La partecipazione è libera, ed occorre soltanto un avviso per poter partecipare alla competizione. Una volta in campo, tutti i partecipanti devono indossare la nostra maglia, sulla quale è stampato il numero 7, da cui ha origine il nome del memorial”.

“È sempre bello vedere persone tra loro sconosciute che, appena indossata quella maglia e fatte le dovute presentazioni, sviluppano subito un senso di appartenenza e il necessario spirito di gruppo per ambire alla vittoria e per rendere onore al colore della maglia della propria squadra. Nonostante ci sia un grande spirito di competizione in campo, vige il rispetto più assoluto. Non vi sono urla né litigi, ma soltanto la goliardia e lo spirito di squadra che alle volte strappa un sorriso anche a chi osserva dalla panchina. Complimenti ai ragazzi che hanno giocato finora nonostante il freddo invernale indossando fieri il nome di Gabriele e applaudendolo all’inizio di ogni partita. Complimenti anche a chi ha deciso di osservare e seguire le squadre fuori dal campo, per il puro gusto di tifare e di passare una serata in compagnia” – concludono dall’associazione.