Andriese va in Sudamerica per rifarsi una vita: colpito da machete, in coma – “ha perso le dita”

Nella vita aveva fatto prima il Carabiniere e poi, dopo la separazione, una nuova vita a San Salvador, in Brasile. Una nuova vita trasformatasi negli ultimi giorni in un fatto di cronaca gravissimo: come riportato anche da alcune fonti giornalistiche, alcuni uomini dal volto coperto hanno infatti fatto irruzione nell’abitazione sudamericana del 53enne Mario Simone esplodendo persino alcuni colpi d’arma da fuoco e poi colpendo la vittima con il machete.

Stando alle prime ricostruzioni, sembra che l’ex Carabiniere, originario della città di Andria, sia stato aggredito colpito da alcuni colpi di machete, uno dei quali causandogli persino il taglio di alcune dita della mano. L’uomo è rimasto agonizzante per terra in una pozza di sangue. Prima di trasferirsi in Brasile, l’uomo è vissuto per diversi anni nel comune di Bisceglie, luogo dove i famigliari hanno ricevuto una chiamata a distanza da parte di alcuni vicini di casa sudamericani.

L’uomo risulta ricoverato in gravi condizioni ed in coma. Stando a quanto riferito da alcune fonti, la vittima della grave aggressione avrebbe già subito un tentativo di furto nei giorni precedenti.