Anniversario strage di Capaci: lenzuolo bianco esposto davanti alla sede della Prefettura Barletta-Andria-Trani

La sede del Palazzo del Governo di Barletta listata a lutto per commemorare la Strage di Capaci del 23 maggio 1992, in cui per mano della mafia persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo ed Antonio Montinaro.
Questa mattina, sulla facciata del Palazzo di Via Cialdini che ospita la Prefettura, è stato esposto un lenzuolo bianco quale simbolo dell’unità nazionale nel contrasto ad ogni forma di criminalità organizzata. “E’ un gesto simbolico per onorare la memoria di donne e uomini che hanno sacrificato la propria vita per servire lo Stato e le Istituzioni – ha dichiarato il Prefetto di Barletta Andria Trani Maurizio Valiante –, ma anche per alimentare, nell’intera collettività e soprattutto nelle giovani generazioni, la cultura della legalità, ispirando sempre i nostri comportamenti alle parole del Giudice Falcone: “Io credo che occorra rendersi conto che questa non è una lotta personale tra noi e la mafia. Se si capisse che questo deve essere un impegno – straordinario nell’ordinarietà – di tutti nei confronti di un fenomeno che è indegno di un paese civile, certamente le cose andrebbero molto meglio”.

 

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.