Asl Bt: “al Covid Hospital su 39 ricoveri, 6 in terapia intensiva”

Una crescita esponenziale di pazienti Covid: “siamo passati da 11 pazienti ricoverati presso il reparto di malattie infettive di Bisceglie a fine settembre ai 39 di oggi, di cui 6 in terapia intensiva, a cui si aggiungono altri 13 pazienti in attesa presso l’osservazione breve intensiva del Pronto Soccorso – dice Alessandro Delle Donne, Direttore Generale della Asl Bt – la decisione di destinare l’ospedale Vittorio Emanuele II a Covid Hospital non è stata presa affatto a cuor leggero, ma è una necessità legata innanzitutto alla lettura dei dati e alla urgenza di curare i pazienti, covid e no-covid, in assoluta sicurezza”. L’individuazione di Bisceglie come covid hospital è stata sancita già a marzo ed è confermata con la legge regionale 77/2020 di luglio:

“E’ evidente che la situazione sta peggiorando con ritmi troppo rapidi che non hanno lasciato dubbi: non è possibile garantire accessi separati e sicuri a pazienti no-covid – dice Delle Donne – tra l’altro, il paziente covid ha bisogno di spazi dedicati e l’organizzazione dell’assistenza deve garantire sicurezza per gli operatori e dei percorsi. La stagione autunnale è alle porte e non possiamo assolutamente farci trovare impreparati”. Il personale medico e infermieristico delle unità operative sospese andrà a potenziare l’assistenza sanitaria ambulatoriale territoriale presso il Poliambulatorio di Bisceglie e di Trani e a incrementare le altre unità operative omologhe presenti sul territorio, nonché a sostegno delle attività di assistenza:

“La riorganizzazione del servizio di assistenza è molto complessa e siamo studiando ogni passaggio – dice il Direttore Generale – intanto il Poliambulatorio di Bisceglie sarà fortemente potenziato mentre tutta l’attività chirurgica sarà incrementata sugli altri presidi ospedalieri. Inoltre la Regione Puglia insieme con la Asl Bt sta definendo accordi con il Don Uva per allocare negli spazi ora disponibili la pediatria e la cardiologia nonchè una attività di post covid”. A Canosa sono in corso attività di potenziamento della riabilitazione e della lungodegenza che già nella prima fase di emergenza hanno gestito pazienti covid provenienti dalle residenze sanitarie per anziani. E anche le attività avviate sul territorio sono tante e diversificate: intanto a breve l’Ufficio vaccinazioni sarà trasferito in locali ristrutturati e sarà aperto il covid center per tamponi rapidi mentre proprio in queste ore si sta concludendo un avviso pubblico per il reclutamento di igienisti che possano potenziare il servizio su tutto il territorio. Nei giorni scorsi è stato siglato un protocollo di intesa con i pediatri di libera scelta e la Asl Bt è stata la prima in Puglia ad attivare lo screening rapido con 18 poct presenti nei pronto soccorso e sul territorio. Molto è stato fatto nei mesi estivi per potenziare l’ospedale di Bisceglie – aggiunge il Direttore Generale – durante la primavera scorsa abbiamo avviato e concluso i lavori del Pronto Soccorso che oggi ci consentono di avere un servizio molto ben organizzato, abbiamo fatto lavori in radiologia per attivare il nuovo e modernissimo mammografo e inoltre abbiamo lavorato per attivare un prestigioso e importante ambulatorio endocrinologico. Davvero non capisco le polemiche che si stanno susseguendo in queste ore, stiamo in piena pandemia e i dati – come confermato anche dai massimi vertici regionali – non sono affatto tranquilizzanti. Stiamo lavorando incessantemente per fare il massimo, per garantire la migliore assistenza ai pazienti covid che purtroppo stanno aumentando e a quelli no covid con avvisi e concorsi che stiamo portando avanti e concludendo in questi giorni nonostante le difficoltà. Le nostre decisioni sono attentamente vagliate, ponderate, studiate e certamente devono tener conto di tutti i fattori critici e delle strutture che abbiamo a disposizione nonché del personale su cui possiamo contare. Piuttosto invito la popolazione innanzitutto a fare il vaccino antinfluenzale perché le prime dosi di vaccino sono già state distribuite sul territorio e poi a rispettare tutte le indicazioni di igiene per evitare che il virus continui a circolare: serve la massima collaborazione di tutti”.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).