Attentati Nassiriya, generale condannato a risarcire. Sopravvissuto di Andria: “Verità è venuta fuori nonostante tutto”

Giustizia è fatta, anche se a distanza di tanti anni: è notizia delle ultime ore quella della condanna della Corte di Cassazione nei confronti dell’ex generale dell’esercito italiano, Bruno Stano – comandante della missione italiana in Iraq nel 2003 – al risarcimento dei familiari delle vittime della strage di Nassirya, avvenuta in Iraq nel 2003, quando il 12 novembre di quell’anno, un camion kamikaze distrusse la base Maestrale, uccidendo 28 persone. Le vittime italiane furono 19: 12 carabinieri, 5 militari dell’esercito e 2 civili. Tra loro, anche un militare sopravvissuto di Andria:

“Hanno fatto tutto quello che potevano, cercando di seppellire le responsabilità. Questa sentenza dimostra che, nonostante quello che hanno tentato di fare, alla fine la verità è venuta fuori”racconta all’Adnkronos Riccardo Saccotelli, uno dei militari sopravvissuti all’attentato, che all’epoca dei fatti aveva 28 anni. “Io continuo a chiedere anche un incontro con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che è anche capo dello Forze Armate. Gli avevo anche scritto una lettera, che presumo non gli sia mai arrivata” – ha aggiunto. Nel 2016, VideoAndria.com realizzò questa intervista:

Ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui. Inoltre è possibile inviare immagini all’indirizzo email redazione@videoandria.com.