Atti intimidatori a Dirigente del Comune di Andria, Giorgino: “indagini facciano il loro corso”

- Prosegue dopo la pubblicità -

Solidarietà e sostegno del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale all’ing. Santola Quacquarelli, Dirigente del Comune di Andria, per i danni subiti alla sua villa in campagna.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Esprimo come Sindaco e guida dell’Amministrazione Comunale – dichiara l’avv. Nicola Giorgino – la vicinanza ed il sostegno per quanto accaduto all’ing. Quacquarelli. Ci auguriamo che le indagini facciano il loro corso, rapido ed efficace, e che si individuino i responsabili di questo atto intimidatorio che non deve restare impunito per la forte valenza simbolica che può avere in termini di tentativo di condizionamento dell’azione amministrativa. Rinnoviamo all’ing. Quacquarelli ogni stima e considerazione per il lavoro che conduce con determinazione, nell’interesse di questo Ente”.

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Dopo le espressioni di vicinanza del sindaco Giorgino giunge anche il messaggio di vicinanza e di solidarietà della 4^ Consulta comunale (Ambiente, Urbanistica e delle Case) alla dirigente comunale ing. Tina Quacquarelli, nei confronti della quale si sarebbe consumato un atto intimidatorio colpendo un bene di sua proprietà.

Savino Montaruli, rappresentante eletto in seno alla 4^ Consulta comunale della città di Andria, unitamente al presidente prof. Francesco Martiradonna, ha divulgato il messaggio di solidarietà aggiungendo:

“non sappiamo se l’atto di presunta matrice intimidatoria sia collegabile all’attività amministrativa e dirigenziale dell’ing. Quacquarelli. Conosco personalmente Tina da moltissimi anni e le riconosco capacità organizzative e manageriali, nel rispetto dei ruoli e delle mansioni. Anche durante la sua brevissima esperienza a capo del Settore Sviluppo Economico, qualche decennio fa, la dott.ssa Quacquarelli ha sempre mantenuto il giusto distacco istituzionale non temendo mai il confronto e la schiettezza. Di fronte a queste riflessioni sulla professionista Quacquarelli appare ancor più vile quel gesto che andrebbe assolutamente punito perché non si ripeta più, né nei confronti di un dirigente comunale né di chiunque altri” – ha concluso Montaruli.

L’atto intimidatorio, stando a quanto riportato dal servizio televisivo diffuso su YouTube che linkiamo qui sotto, sarebbe consistito in un incendio doloso ai danni della villa del dirigente (Fonte video: Canale YouTube di Tele Dehon):