Bandi europei per il territorio di Andria, il prof. Suriano: “le istituzioni devono rimboccarsi le maniche e programmare gli interventi”

Professor-Riccardo-Suriano-presso-la-Chiesa-di-Porta-Santa-nel-centro-storico-di-Andria
Il prof. Riccardo Suriano durante la registrazione di una delle Puntate della rubrica “Andria Antica” realizzata con VideoAndria.com

“Due grossi appuntamenti estivi: il 1° a Montegrosso, frazione di Andria, nel Palazzo ducale Belgioioso, il 2° a Canosa di Puglia nel cortile dell’antico palazzo Iliceto. Il primo è stato organizzato dalla Confagricoltura della provincia di Bari e Bat. Il secondo dal Comune di Canosa di Puglia in stretta collaborazione di importanti enti pubblici e privati. Apparentemente i due incontri potevano sembrare completamente estranei l’uno all’altro, in realtà c’è stato un comune denominatore. È il futuro dell’agricoltura da una parte, e del turismo dall’altra nei prossimi dieci anni 2016-2025, due settori vitali per la regione e per le nostre province” – ricorda il prof. Riccardo Suriano, membro del Co.Ado (Il comitato di adozione del 1° Vicolo San Bartolomeo di Andria, definito “la strada più stretta al mondo”.

“A Montegrosso,” – prosegue Suriano – “in un salone gremito di gente, la Confagricoltura ha radunato i suoi soci per dibattere e approfondire il tema delle nuove prospettive della nostra agricoltura alla luce della programmazione europea 2015-2025. A Canosa di Puglia è stato presentato l’ultimo libro “Patrimonio al futuro” di Giulio Volpe, presidente del Consiglio Superiore dei beni culturali e paesaggistici nonché ex Rettore dell’Università degli Studi di Foggia”.

Il teatro Astra di Andria
Il teatro Astra di Andria

“Noi abbiamo avuto la fortuna di assistere a tutti e due gli incontri. Perciò abbiamo captato una verità incontestabile: i Fondi europei per l’agricoltura da una parte, per i beni culturali dall’altra ci sono e sono tantissimi. Tocca alla nostra classe politica e dirigenziale (Stato, Regioni, Province e Comuni) in primis e poi agli altri enti pubblici e privati, alle Associazioni di categoria, agli enti ecclesiastici, fare la loro parte: progettare, progettare, progettare. Significa programmare dettagliatamente i propri piani di interventi, le priorità, le urgenze. Sta a tutti loro il compito e il dovere di preparare progetti conformi alle normative europee”.

castel-del-monte-di-notte-andria

“Secondo noi, fino ad oggi le carenze sono state innumerevoli sia in agricoltura, sia nei beni culturali storici, architettonici, artistici e paesaggistici. I due convegni hanno sollecitato ripetutamente massima attenzione ai Bandi, massimo impegno a cogliere le opportunità offerte dall’Unione Europea. Tocca alla classe politica locale darsi da fare, per non perdere l’occasione irripetibile di riscatto culturale, finanziario ed economico. Rimboccarsi subito le maniche è l’imperativo categorico” – conclude il prof. Suriano.