Bazar di autoricambi rubati a Corato: i Carabinieri di Andria arrestano un biscegliese ed un coratino

Due pregiudicati, uno di Corato e l’altro di Bisceglie, D.N.L. e D.B.N, rispettivamente di 35 e 32 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri di Andria.
Uno dei militari operanti, libero dal servizio ed a bordo della propria autovettura, percorrendo alcune strade cittadine di Corato, ha notato una Fiat Multipla con due persone che, palesemente sovraccarica, dal vano portabagagli, perdeva copiosamente olii e liquidi. Avendo intuito l’anomalia, il militare si poneva alle spalle del veicolo con lo scopo di controllarne gli spostamenti; il conducente della Multipla, accortosi di essere seguito, interrompeva la marcia, andando a sostare in una piazzola di sosta al fine di accertarsi che non fosse oggetto di inseguimento.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Per non vanificare il tutto, il militare proseguiva la sua corsa, tenendo però sempre d’occhio il suo obiettivo, che nel frattempo aveva invertito il senso di marcia, allontanandosi nella direzione opposta. Veniva, poco dopo, raggiunto nei pressi di una carrozzeria dal militare operante, il quale, dopo essersi qualificato, chiedeva di controllare il portabagagli, constatando la presenza di due motori d’auto con targhetta identificativa palesemente contraffatta con numeri alterati.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Il carabiniere chiedeva ausilio dei colleghi di Andria, i quali, dopo aver accertato e confermato le supposizioni del collega, decidevano di operare una perquisizione presso l’abitazione di uno dei sospettati, rinvenendo su una superficie di 200 mq numerose parti di veicoli di recente immatricolazione, cannibalizzati e privi di ogni etichetta identificativa, classificate per tipo. Venivano altresì rinvenuti materiali ed attrezzature idonee alla sezionatura dei veicoli e ben quattro autovetture incidentate, pronte ad essere riparate con il predetto materiale.

I due predoni sono stati associati alla casa circondariale di Trani, dovendo rispondere alle accuse di ricettazione aggravata in concorso e riciclaggio.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fonte: Comando Provinciale Carabinieri Bari – Sala Stampa