Carenza di personale al Comune di Bisceglie: la Fp Cgil incontra il Sindaco che garantisce l’attivazione di procedure in materia di assunzioni

fp-funzione-pubblica-cgilL’urgenza di intervenire in alcuni settori ed il grave disagio per la carenza di personale, sono alcuni dei temi affrontati in un incontro tra la Fp Cgil Bat ed il sindaco di Bisceglie, Francesco Spina, che ha assicurato di attivare ogni procedura utile prevista dalle leggi vigenti in materia di assunzione del personale.

Il tavolo tra i rappresentati del sindacato ed il Sindaco si è svolto a pochi giorni dalla presa di posizione della Fp Cgil Bat sul piano triennale di assunzioni al Comune. Nell’occasione la segreteria provinciale ed i rappresentanti aziendali hanno ribadito, così come già fatto in un intervento sulla stampa, le forti perplessità rispetto alla riorganizzazione della macchina amministrativa ed alla non complessiva lettura delle singole situazioni afferenti alle aree.

“Abbiamo evidenziato – spiega Luigi Marzano, segretario generale Fp Cgil Bat– un utilizzo eccessivo dellatipologia di lavoro flessibile. Non solo, abbiamo anche fatto presente al Sindaco la carenza d’organico che caratterizzaalcuni settori, così la scarsità di figure professionali come, per esempio, gli assistenti sociali.È necessario ed urgente, inoltre, rivedere la macrostruttura ed il carico di lavoro (aumentato negli anni a causa delle nuove funzioni e competenze attribuite agli enti locali) a cui fa fronte un personale invecchiato, demotivato, non sempre reso partecipe nell’aggiornamento e formazione”.

“Bisogna subito attivare nuove forme di dialogo con le figure dirigenziali presenti nell’ente visto che ci troviamo difronte ad una non omogenea applicazione di sistemi di lettura e valutazione interni ma che hanno una notevole ricaduta sull’esterno e sulla comunità dei cittadini fruitori di servizi”.

Il Sindaco ha riconosciuto nel sindacato un importante interlocutore per affrontare, in maniera rispettosa nei diversi ambiti di appartenenza e rappresentanza, un confronto che coinvolga tutti nelle tematiche riguardanti l’organizzazione del personale, concordando di stabilire una modalità di consultazione reciproca nei prossimi mesi.

“Riteniamo – conclude Marzano – che il dialogo sia uno strumento di crescita per tutti, abbiamo sempre creduto nel confronto e continueremo a farlo. Garantiamo a questo punto di non abbassare la guardia e soprattutto di vigilare affinché alle parole seguano i fatti nel pieno rispetto delle regole”.