Casa Divina Provvidenza, M5S: “tutelare i lavoratori, Ministro e Regione partecipino al tavolo”

Sulla vicenda dei lavoratori della Casa Divina Provvidenza, si esprime la Consigliera Regionale del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia, che scrive al Ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, mentre, con i colleghi Gianluca Bozzetti, Rosa Barone e Grazia Di Bari ha presentato un’interrogazione regionale all’Assessore Regionale, Sebastiano Leo.

“Chiediamo che l’azienda “Universo Salute” che ha presentato una proposta al MiSE – dichiarano i cinquestellefornisca tutte le garanzie scritte necessarie a garantire la piena tutela dei lavoratori, rendendo noto e condividendo con le istituzioni nazionali e regionali il Piano Industriale con i relativi impegni occupazionali e di investimento per i prossimi anni.

Senza questi documenti che siamo certi non ci saranno problemi a condividere, l’accordo sarebbe un vero e proprio salto nel buio, che il Ministro del Lavoro così come la Regione non possono permettere.”

 

L’intento, spiegano i cinquestelle, è di scongiurare il rischio che l’accordo sul trasferimento di ramo d’azienda si trasformi, nei fatti, in una vera e propria cessazione del rapporto di lavoro, con conseguente rinuncia di alcuni dei diritti acquisiti come la rinuncia al TFR, gli scatti di anzianità o il paventato articolo 18 che deve essere conservato, come promesso da Universo.

“Chiediamo dunque – proseguono – che al tavolo partecipi anche il Ministro del Lavoro e riteniamo assolutamente necessaria anche una partecipazione più attiva della Regione: al tavolo quindi partecipino anche l’assessorato e la task force scandalosamente assente fino ad ora. Non vorremmo doverci ritrovare tra due mesi i lavoratori in protesta sotto la Regione, in quel caso – concludono sarebbe il presidente Emiliano in persona a doverne rispondere sia a loro che a noi. Siamo certi che istituzioni ed azienda collaboreranno per preservare gli interessi di tutti.”

Segui tutti gli aggiornamenti, clicca “MI PIACE” sulla Pagina di Video Barletta – Andria – Trani: