Ci risiamo: compleanni abusivi in Piazza Catuma. Giovani si “augurano” l’inciviltà ad Andria

“Tutte le sere la stessa storia. Piccoli grandi incivili crescono. Andria nell’anarchia completa” – è il commento del circolo andriese di Legambiente in merito all’ennesimo sfregio che la piazza centrale della città è costretta a subire a causa di festicciole non autorizzate, molto probabilmente compleanni. Una situazione non più sostenibile che sta dimostrando tutti i suoi aspetti aberranti nelle serate in Piazza Catuma, da alcuni anni tornata fulcro della movida territoriale. Nonostante la positività della presenza di tanti giovani e della nascita di nuovi locali, vi è però il lato più che negativo di una società di giovanissimi, forse troppo spesso anche minorenni, che riescono a procurarsi alcolici per poi consumarli per strada. Oltre al consumo di sostanze per nulla ottimali per la salvaguarda del loro benessere, gli stessi poi in troppi casi si “dimenticano” di effettuare una corretta raccolta differenziata, abbandonando al loro passaggio bottiglie di vetro, bicchieri di plastica ed altre tipologie di rifiuti, in molti casi riciclabili.

A questo punto ci chiediamo: che razza di augurio è quello di un compleanno festeggiato con la completa assenza del rispetto ambientale e della nostra salute? Saremmo curiosi di scoprirlo. Al contempo auspichiamo che la Polizia Locale possa identificare i trasgressori anche attraverso gli appositi impianti di videosorveglianza. Una bella multa a casa di mamma e papà, giusto per concludere il compleanno “in bellezza”. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Il post diffuso da Legambiente Andria: