Concorso di alta cucina “Eraclio d’oro”, con oltre 50 partecipanti. Appuntamento martedì 23 ottobre presso “Lo Smeraldo” di Canosa di Puglia

Porte aperte agli appassionati, domani a Canosa il Concorso di cucina Eraclio d’oro.
Ecco la giuria al top, con la novità dell’esperto in vini Dino Saulle per gli abbinamenti con i piatti. Cake design, in gara ci sarà anche Tiziana Profeta medaglia d’argento a Londra nel 2017

Stop alle iscrizioni, impossibile ammettere chi ha deciso troppo tardi. Il concorso di alta cucina Eraclio d’oro, con oltre 50 partecipanti nelle tre categorie, richiede una meticolosa organizzazione in cucina e per domattina è già tutto pronto! PASSA PAROLA: se volevi partecipare ma poi non lo hai fatto, se sei un grande appassionato di cucina, pasticceria oppure di cake design, SEI IL BENVENUTO! Lo scrupoloso lavoro delle qualificatissime giurie, infatti, verrà condiviso con il pubblico presente: NON occorre essere iscritto alla ACP BAT per poter accedere domani alla sala sontuosa in cui si svolgerà l’appassionante gara ai fornelli. L’appuntamento è martedì 23 ottobre, dalle ore 10 alle ore 17, a “Lo Smeraldo” di Canosa di Puglia, sala ricevimenti che possiede spazi e attrezzature per poter ospitare una competizione di alto livello.

Mancano poche ore e possiamo svelare le giurie messe insieme dal presidente ACP BAT Michele Erriquez con tutto il team della vivace associazione. Brilla per l’assoluta rilevanza nazionale, e internazionale, la giuria per i concorrenti di cucina e pasticceria composta da:
– Daniele Caldarulo, già team manager della NIC (Nazionale Italiana Cuochi) nonché ristoratore che ha ospitato a Bari il pasto di Papa Francesco;
– Giuseppe Palmisano, già componente della NIC e pasticciere notevolissimo
– Antonio Di Nunno, noto chef di Canosa, segnalato dalla prestigiosa Guida di Identità Golose
– Antonio Sgarra, punta di diamante dell’ACP BAT con grande passione per la formazione.

Giunto alla VI edizione, il concorso Eraclio d’Oro ha voluto chiedere di più ai suoi concorrenti, visti anche i premi importantissimi messi in palio. Per vincere, quest’anno, è richiesto l’abbinamento cibo – vino in alleanza con la Strada dei Vini DOC Castel del Monte, presieduta da Giuseppe Marmo. E’ in arrivo, quindi, una “sinfonia” di Nero di Troia e di Bombino bianco e nero, che – in giuria – sarà guidata da un celebre “naso” come quello di Dino Saulle, ristoratore, nonché sommelier degustatore e relatore. A verificare il lavoro ai fornelli dei concorrenti ci penseranno gli executive chefs commissari in cucina: Lorenzo Lacriola (compartimento formazione Puglia per la NIC), Gaspare Sarcinelli (Collegio Cocorum ACP BAT), Nicola Lenoci e Michele Cocco (che l’Eraclio d’Oro lo ha creato).

Arte giovane, ma amatissima, è quella del cake design per la quale ci saranno una decina di concorrenti fra i quali spicca Tiziana Profeta, pugliese, che nel 2017 a Londra ha conquistato la medaglia di argento nella competizione internazionale. In giuria, per l’Eraclio d’Oro 2018, le esperte in cake design Angela Cassano (Bari), Maria Pia Sciarretta e Daniela Santoianni (Termoli). Il giorno successivo, mercoledì 24 ottobre, sempre presso lo Smeraldo Weddings & Events di Canosa di Puglia, ci sarà la cena di Gala con accesso su invito.