Nella BAT boom di vendite di mascherine, rischio psicosi e speculazione economica

Nonostante in Puglia non risultino casi di contagio da coronavirus (i tre casi sospetti hanno dato esito negativo), nella Provincia di Barletta-Andria-Trani risulterebbero in aumento le richieste di acquisto di mascherine utilizzate per contenere i contagi:

stando a quanto riferito da alcune fonti giornalistiche telematiche, infatti, sarebbe aumentata la richiesta di acquisto di mascherine all’interno di esercizi commerciali specializzati nella vendita di questi prodotti, in primis farmacie e ferramenta. Un fenomeno ingiustificato che potrebbe documentare un vero e proprio caso di psicosi, con cui vero unico rischio riguarderebbe esclusivamente quello di una speculazione economica. In Russia, ad esempio, il Presidente Putin ha chiesto la penalizzazione dei venditori che hanno strategicamente aumentato il prezzo di questo prodotto. In Puglia, lo ripetiamo nuovamente, al momento non vi è alcun caso di coronavirus. ”La Regione Puglia ha insediato la task force per il coronavirus coordinata dal direttore del dipartimento salute Vito Montanaro. La task force ha provveduto a varare ed inoltrate tempestivamente a tutte le direzioni strategiche un protocollo operativo per la gestione di possibili casi sospetti di infezione da nuovo Coronavirus. Anche l’ordine dei medici ha ricevuto il protocollo. Perciò, per qualsiasi dubbio tutti i cittadini possono rivolgersi ai propri medici di famiglia o pediatri” – aveva dichiarato il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Nella BAT, inoltre sono stati diffusi dei protocolli indirizzati al personale sanitario:

Il primo è stato diramato nei giorni scorsi dalla stessa Azienda Sanitaria Locale (Asl Bt) che ha informato l’intero personale sanitario – tra medici, infermieri, operatori del 118 e Pronto Soccorso – mentre un secondo protocollo è stato inoltre diffuso dalla Confraternita Misericordia. Sostanzialmente, l’intero personale sanitario del territorio è ben informato sulle procedure di gestione ed al contempo non risultano casi sospetti nel nostro territorio. E’ bene dunque evitare di diffondere inutili allarmismi e consultare le fonti ufficiali riguardante il sistema sanitario territoriale

Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, immagini per la pubblicazione, mentre, per seguire tutte le news in tempo reale, vi consigliamo di cliccare “MI PIACE” sulla Pagina facebook.com/VideoAndriaWebtv oppure iscriversi a, gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui o in alternativa scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).