Corso zoofilo ad Andria: le lezioni riprenderanno il 10 Gennaio

L’Organizzazione dell’associazione Ambiente e/è Vita CPA Nat. Federiciana Verde Onlus con il Maggiore dr. Antonio LEONE ha chiuso il primo periodo delle attività Zoofile.

L’antivigilia di Natale si è chiuso con la metà del corso ZOOFILO con il Docente il Maggiore della Polizia Provinciale Dr. Antonio Leone, il quale ha trattato i seguenti argomenti -: Atti Polizia Giudiziaria Procedura Penale Lezione finale – LN 281/91, LR 189/2004, LEGGE 14 agosto 1991, n. 281. Legge quadro in materia di animali di affezione e prevenzione del randagismo. Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 203 del 30 Agosto e Concetti generali di biologia della fauna selvatica.

Gli argomenti ha interessato gli allievi Guardie per lo sviluppo, in certi casi, dei reati e dei relativi comportamenti delle GPGV.

Princìpi generali

  1. Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono, al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l’ambiente.
  2. Trattamento dei cani e di altri animali di affezione 1a. Il controllo della popolazione dei cani e dei gatti mediante la limitazione delle nascite viene effettuato, tenuto conto del progresso scientifico, presso i servizi veterinari delle unità sanitarie locali. I proprietari o i detentori possono ricorrere a proprie spese agli ambulatori veterinari autorizzati delle società cinofile, delle società protettrici degli animali e di privati. 2a. I cani vaganti ritrovati, catturati o comunque ricoverati presso le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, non possono essere soppressi.
  3. I cani catturati o comunque provenienti dalle strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, non possono essere destinati alla sperimentazione.
  4. I cani vaganti catturati, regolarmente tatuati, sono restituiti al proprietario o al detentore.
  5. I cani vaganti non tatuati catturati, nonché i cani ospitati presso le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, devono essere tatuati; se non reclamati entro il termine di sessanta giorni possono essere ceduti a privati che diano garanzie di buon trattamento o ad associazioni protezioniste, previo trattamento profilattico contro la rabbia, l’echinococcosi e altre malattie trasmissibili.
  6. I cani ricoverati nelle strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, fatto salvo quanto previsto dagli articoli 86, 87 e 91 del regolamento di polizia veterinaria approvato con decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954, n. 320, e successive modificazioni, possono essere soppressi, in modo esclusivamente eutanasico, ad opera di medici veterinari, soltanto se gravemente malati, incurabili o di comprovata pericolosità.
  7. È vietato a chiunque maltrattare i gatti che vivono in libertà.
  8. I gatti che vivono in libertà sono sterilizzati dall’autorità sanitaria competente per territorio e riammessi nel loro gruppo.
  9. I gatti in libertà possono essere soppressi soltanto se gravemente malati o incurabili.
  10. Gli enti e le associazioni protezioniste possono, d’intesa con le unità sanitarie locali, avere in gestione le colonie di gatti che vivono in libertà, assicurandone la cura della salute e le condizioni di sopravvivenza.
  11. Gli enti e le associazioni protezioniste possono gestire le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4, sotto il controllo sanitario dei servizi veterinari dell’unità sanitaria locale.
  12. Le strutture di cui al comma 1 dell’articolo 4 possono tenere in custodia a pagamento cani di proprietà e garantiscono il servizio di pronto soccorso.

Alla fine evidenzia che nel 2015 è stata posta una disposizione di Legge anche per viabilità stradale per gli animali di affezione e per chi non li soccorre è posto una legge di mancato soccorso e quindi è condannato con il mancato soccorso e viene posto non solo la sanzione amministrativa ma anche quella penale.

Al Termine della lezione gli allievi gli allievi e lo scrivente augurano al Maggiore dr. Antonio Leone delle Buone Feste  e un Buon inizio Anno 2017 e con un arrivederci al 10 Gennaio con lo sviluppo degli argomenti: – Reati Ambientali – Poteri, doveri e limiti degli Ausiliari di PG, acquisizione e comunicazione della notizia di reato, atti di iniziativa della PG e atti delegati, rapporti tra PM e PG, perquisizioni e sequestri, indagini, annotazioni e verbali Funzioni, competenze e mansioni della Guardie Modalità di intervento. Comportamenti di servizio – La deontologia della Guardia PU.