DDL Zan, Sindaco di Andria: “amarezza per voto contrario, diritti vanno riconosciuti” – video

Oltre al Sindaco di Bari Decaro, parole di amarezza sono state espresse anche dal Sindaco di Andria Giovanna Bruno per il risultato del voto che, di fatto, ha affossato il cosiddetto DDL Zan tra le mura del Senato della Repubblica. Per i due sindaci pugliesi di centrosinistra, l’episodio politico rappresenza un’occasione persa per la tutela dei diritti dei cittadini. Con un video diffuso su Facebook, il Sindaco di Andria ha osservato che:

“A proposito di diritti… Appare incomprensibile, anche se in effetti comprensibile lo è, prendere atto di come l’Aula del Senato abbia assunto, nel giro di poche ore, due decisioni così diverse fra loro. Prima è arrivato il via definitivo alla legge sulla parità salariale fra uomo e donna. Notizia accolta con gioia e soddisfazione da tutti. Così si legge nel testo:

“Un passo di fondamentale importanza verso il completo superamento delle disuguaglianze di genere, l’aumento della occupazione femminile,l’assunzione del principio di condivisione tra donne e uomini delle opportunità e delle responsabilità sul lavoro e in famiglia”.
Il Senato ha votato alla unanimità la Legge, e questo ha generato speranze diffuse sul conseguimento della piena condizione di parità nel nostro Paese. Il cammino è ancora lungo e spetta soprattutto a noi donne presidiare e testimoniare con fermezza questi principi.
Oggi invece, la stessa Aula del Senato, ha rinviato all’esame della Commissione Parlamentare il DDL Zan. L’esame non potrà riprendere prima che siano passati sei mesi. La votazione è avvenuta a maggioranza ed a scrutinio segreto. Questo genera amarezza perché lede le aspettative di una intera società, quella del nostro Paese, che chiede con forza il riconoscimento dei diritti civili per tutti i suoi cittadini, una lotta decisa all’omotransfobia, l’allineamento alle legislazioni della stragrande maggioranza dei Paesi Europei. A noi ora, a tutti noi rappresentanti del Popolo ad ogni livello istituzionale, il dovere di essere punto di riferimento per i Cittadini, la stragrande maggioranza dei Cittadini italiani, che con convinzione continuano a sostenere la volontà di tutti a vedersi riconosciuti i propri diritti”ha concluso il Sindaco di Andria. A tal proposito, riportiamo qui sotto il link al filmato diffuso sui social dalla prima cittadina andriese:

https://www.facebook.com/brunosindaco.it/videos/278943447465953

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.