Debiti ad Andria: PD diviso su consiglio Comunale monotematico. “Area Renzi” contraria

“Il Partito Democratico ha la necessità di distinguersi sul territorio locale e nazionale, ponendo in essere un atteggiamento politico non propagandistico ma volto alla soluzione reale dei problemi. Per questo motivo, come “Area Renzi”, abbiamo adottato, già all’indomani del congresso cittadino del Partito Democratico, un atteggiamento pragmatico” fanno sapere i Consiglieri Comunali “Area Renzi” del PD di Andria Angelo Frisardi (Coordinatore Area Renzi PD), Lorenzo Marchio Rossi, Salvatore Vitanostra.

Lo abbiamo fatto sulla questione TARI, dove all’allarme populistico abbiamo preferito l’analisi tecnica, critici verso qualunque azione di ripercussione sui ceti meno abbienti e più disagiati della popolazione. In Prima Commissione, con Presidente il nostro consigliere comunale Salvatore Vitanostra, abbiamo monitorata, stimolata ed approvata la variazione di bilancio per l’erogazione del Fondo Incentivante 2015 dei lavoratori dipendenti comunali, atto propedeutico per il pagamento degli attesi incentivi ai dipendenti su cui l’amministrazione da tempo si era impegnata ma senza esito concreto”.

Non condividiamo, invece, la richiesta di Consiglio Monotematico avanzata da alcuni componenti delle opposizioni sulla vicenda dei noti controlli degli Ispettori del MEF al Comune di Andria: riteniamo l’operazione strumentale, di mera visibilità elettorale per qualcuno, inutile sul piano dei chiarimenti, l’ennesima balconata per il Sindaco per sciorinare e fare eco alle sue assuefacenti ed improduttive convinzioni, dispendiosa per i costi di un “inutile” consiglio comunale. Riteniamo, invece, che il Sindaco Giorgino e la sua Amministrazione vada affrontata sul campo di battaglia amministrativo e politico, nel prossimo consiglio comunale di fine mese, dove saranno discussi in aula i provvedimenti finanziari per gli interventi e le variazioni del bilancio comunale, anche alla luce dei controlli in atto da parte degli Ispettori del MEF. Ci spiace soltanto constatare che, nonostante si parli di unità del partito e politica nuova, si prosegue su vecchie logiche populistiche ed inconcludenti che disorientano elettori ed iscritti al partito”.

“Intanto, come area Renzi, proseguiamo nella nostra opera di organizzazione. Nei prossimi giorni, nella nostra sede di Andria, presso l’Associazione “Costruiamo il Futuro”, via Generale Arimondi n. 65, recentemente inaugurata dall’Onorevole Richetti, procederemo alla nomina dei seguenti organi direttivi: Presidente, Tesoriere, Segreteria.
Invece, a svolgere le funzioni di Delegato ai rapporti col Partito Democratico Nazionale è stato nominato il consigliere comunale Lorenzo Marchio Rossi”.

“Confermando la nostra intenzione ad aprire il Partito Democratico al più ampio coinvolgimento, scevri da logiche lobbystiche, chiunque, preso da serio e costruttivo entusiasmo, voglia essere protagonista e partecipe di questo percorso comune di crescita politica può mandare il proprio contatto al nostro indirizzo mail partitodemocraticoarearenzi@gmail.com ovvero fare riferimento alla nostra sede”.

Nei giorni scorsi il consigliere Vurchio (nuovo Segretario cittadino) aveva lanciato un appello nel corso di un’intervista televisiva per sottoscrivere la richiesta di consiglio monotematico. Richiesta evidentemente non accolta da Frisardi, Marchio Rossi e Vita Nostra. Un PD diviso dunque su questa vicenda. Linkiamo qui sotto il servizio televisivo diffuso sul canale YouTube di Tele Dehon: