“E’ pericoloso”: spacciatore andriese violento finisce in carcere

Nella giornata di ieri, personale del Commissariato di Andria ha proceduto alla esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, a firma del G.i.p. del Tribunale di Trani dottoressa Angela Schiralli, nei confronti di un andriese, classe 1987, già sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Lo stesso, che deve già rispondere per il reato di lesioni aggravate per altro procedimento, era stato arrestato nei giorni scorsi per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, poiché, durante un controllo operato dalle forze dell’ordine, erano stati rinvenuti nella sua abitazione, della sostanza stupefacente e del materiale atto al confezionamento delle dosi.

L’aggravamento della misura si è resa necessaria per la conclamata insufficienza dei domiciliari a contenere la pericolosità dello Ieva. L’uomo trovasi ora ristretto presso la Casa Circondariale di Trani.