Emergenza neve, la Confraternita Misericordia di Andria in campo con volontari e mezzi

Non si è mai fermata l’attività della Confraternita Misericordia di Andria oltre alla Confraternita Misericordia di Montegrosso, nei giorni di emergenza neve sul territorio.

“Un lavoro – si legge in una nota dell’Ufficio Stampa – costante e silenzioso, in pieno stile Misericordia, in stretto contatto con le istituzioni e che ha permesso di effettuare numerosi interventi essenziali per i cittadini. Nel dettaglio sono stati una ventina i volontari impegnati con circa una decina di mezzi a partire dal 5 gennaio e sino al 10 gennaio, per diversi servizi sul territorio”.

In particolare un servizio essenziale è stato quello di assicurare il costante trasferimento ed accompagnamento di medici ed infermieri presso e dal Presidio Ospedaliero di Andria a partire dal 6 gennaio. La difficoltà di raggiungere il presidio ospedaliero andriese e la difficoltà di raggiungere i presidi di Minervino e Spinazzola, hanno consentito alla Misericordia di porre a disposizione dell’ASL BT tre automezzi 4×4 con circa 1000 chilometri percorsi in soli cinque giorni e 30 interventi effettuati oltre alla disponibilità h24 assicurata. Accanto a questo sono stati assicurati gli ordinari servizi di accompagnamento di persone disagiate e dializzati effettuati in modo straordinario tra i comuni di Andria, Canosa e Minervino. In stretto contatto con la Protezione Civile regionale e provinciale, è stata attivata, inoltre, la Sala Operativa Regionale della Federazione delle Misericordie di Puglia che ha coordinato la maggior parte degli interventi sia di monitoraggio che di azione sull’intero territorio regionale.

Nella BAT diversi sono stati i monitoraggi attivati in zone divenute impervie come quella di Castel del Monte e zone limitrofe. Particolare attenzione è stata posta sulla ex SP231 tra Andria e Canosa dove è stata svolta un’attività di assistenza a persone bloccate dalla neve, azione coordinata dalla Sala Provinciale di Protezione Civile. Tra i tanti interventi, quello ritenuto più importante e complesso, è stato sicuramente quello effettuato il 6 gennaio quando attorno alle 5 di mattina c’è stata la consegna di viveri e generi di prima necessità ad un bus privato di collegamento nazionale, pieno di passeggeri e bloccato sulla ex SP231 all’altezza di Canosa di Puglia. Essenziale il lavoro della Confraternita anche per quel che riguarda la gestione del sale da utilizzare per le strade della città di Andria: nella sede di via Vecchia Barletta ad Andria, infatti, è stato realizzato il deposito di sale con distribuzione h24 nella Città di Andria ed in particolare in alcuni quartieri, il tutto in collaborazione con la Polizia Locale cittadina. I volontari andriesi, poi, hanno effettuato anche diverse attività di pulizia di marciapiedi e cortili invasi dal ghiaccio sino alla giornata del 10 gennaio.