Esplosioni petardi ad Andria tra spaventi e malori: cominciano nella BAT le identificazioni tramite telecamere con sanzioni da 500 euro. La nostra città necessita dello stesso intervento di Bisceglie

Si avvicina il periodo di Natale – Capodanno, e, nonostante il clima poco o per nulla festoso causato dalla drammatica situazione legata all’emergenza sanitaria ed alla crisi economica conseguente ad essa, in città ci sono ancora degli imbecilli che esplodono petardi nel centro abitato, noncuranti delle conseguenze, anche serie nei confronti di persone ed animali:

Già alcuni giorni fa, nei dintorni delle vie del centro, qualche idiota ha espoloso un grosso petardo facendo spaventare tutti. Una persona anziana ha lamentato un piccolo malore dopo il botto. Non è poi finita qui: alcuni giorni successivi, ancora un’esplosione, e, anche il giorno dopo, un’altra. C’è chi poi ha parlato di cani spaventati per la forte esplosione che, fortunatamente, non avrebbe causato feriti. Questo senza parlare di passerotti ed altri animaletti selvatici che rischiano persino la morte per lo stress subito dall’improvvisa esplosione. Problematiche già ampiamente sollevate in passato da associazioni come 3Place e Legambiente ma anche da chi, come il ricercatore ecologista Nicola Montepulciano, ha da sempre condannato queste azioni così come gli inutili e dannosi rilasci di lanterne luminose e palloncini nei cieli (che, a loro volta, hanno causato anche incendi e morte di animali in altre zone). Ma per quanto tempo noi cittadini andriesi dobbiamo subire queste ingiustizie causate da chi, oggi esplode “solo” grossi petardi e domani potrebbe commettere crimini ancora più gravi? Una possibile risposta giunge dalla vicina bisceglie:

Come riportato dall’amministrazione cittadina biscegliese attraverso un recente comunicato stampa, infatti, la Polizia Locale ieri sera ha identificato e multato un ragazzo 19enne di Bisceglie per aver fatto esplodere un potente petardo in piazza Vittorio Emanuele. Il giovane è stato inchiodato dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza che lo ritraggono mentre accende la miccia e lascia cadere per terra il petardo che esplode fragorosamente dopo pochi secondi. Fermato dagli agenti di Polizia Locale poco dopo, anche grazie alla segnalazione di alcuni cittadini, gli è stata comminata una sanzione di 500 euro, a cui si somma quella per il mancato uso della mascherina. Per il giovane scatta inoltre l’informativa di reato alla Procura della Repubblica per la violazione degli articoli 650 e 703 del Codice Penale. Gli strumenti per contrastare le azioni irresponsabili ed incivili di questi individui, dunque, ci sono. L’auspicio è che anche l’amministrazione di Andria possa aggiornare la cittadinanza con interventi simili al fine da scongiurare spiacevoli situazioni che di certo non migliorano il clima già piuttosto teso causato da altre problematiche. Il video registrato dalle telecamere di Bisceglie che inchioda l’autore dell’esplosione:

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).