Fiera d’Aprile della Confcommercio di Andria: degustazione al Chiostro S. Francesco e Corteo Storico con oltre 100 figuranti

Un percorso del gusto ed un corteo storico rinascimentale. Ovvero due iniziative all’interno della 582esima edizione della Fiera d’aprile di Andria, pensate per gli appassionati delle tradizioni andriesi, da quelle eno-gastronomiche a quelle culturali. Nella prima, organizzata dalla Confcommercio che si svolgerà dal 26 al 28 aprile, dalle 19.30, si potranno degustare all’interno del Chiostro di San Francesco i prodotti tipici locali, grazie al contributo della Confcaseari, alla sua prima uscita ufficiale dalla nascita dell’associazione, delle Strade del vino doc Castel del monte e dell’azienda Villa Schinosa di Trani.

Saranno presenti, insieme ai caseari, alcuni studenti del istituto superiore Lotti-Umberto I di Andria. Il paniere sarà così completo e anche “plastic free”, infatti tutto il necessario per gli assaggi sarà completamente biodegradabile, iniziativa resa possibile grazie all’impegno di Legambiente e dell’azienda “Nonsolocarta Service”. Parte del ricavato del ticket sarà devoluto in beneficenza al Centro Zenith di Andria.

  • Domenica 28 aprile, a partire dalle ore 17, sarà la volta, invece, del corteo storico rinascimentale con oltre 100 figuranti che porteranno indietro le lancette del tempo, agli anni in cui ad Andria furono ritrovate le ossa di San Riccardo, il Patrono della città. Era il 23 aprile del 1438, al governo c’era il Duca Francesco II del Balzo, la Fiera fu istituita. Per la prima volta il corteo attraverserà anche via Duca di Genova, via Bari e via Ferrucci, oltre che le strade maggiormente a ridosso del centro. La sfilata con abiti d’epoca, curata dalla signora Costantina Loscocco, presidente dell’associazione “Ad Maiora”, in cui non mancheranno sbandieratori e mangiafuoco, organizzata anche da Confcommercio, partirà da Piazza Umberto I ed attraverserà pendio San Lorenzo, Porta Sant’Andrea, Via Federico II di Svevia, Via Corrado VI di Svevia, Piazza la Corte, Via Vaglio, Piazza Catuma, Via Alcide De Gasperi, Via Regina Margherita, Via Duca di Genova, Via Firenze, Via Bari, Via Cagliari, Via Ferrucci, Piazza Umberto I, Via Carlo Troia, per concludersi in Piazza Catuma.
  •  
  • La città per tre giorni sarà immersa nella sua stessa cultura per ritornare alle nostre radici con il corteo storico per la cui realizzazione devo ringraziare i commercianti che hanno sponsorizzato l’iniziativa all’interno della Fiera d’aprile voluta dall’assessorato alla cultura e turismo di Andria. Devo anche ringraziare le aziende che si sono messe a disposizione ed hanno messo a disposizione i loro prodotti per le degustazioni nel Chiostro. Ma non abbiamo fatto tutto da soli, bensì indispensabile è stato il supporto del Patto Territoriale Nord Barese Ofantino, del GAL e del Parco dell’Alta Murgia. Ci abbiamo creduto anche a Natale e continuiamo a crederci ancora: solo facendo rete si riescono a mettere in campo strategie vincenti. Abbiamo risposto ‘presente’ quando ci è stato chiesto di contribuire alla realizzazione della ‘classica di primavera’ perché siamo convinti che non c’è futuro se non mantenendo vive le nostre tradizioni, puntando sulla valorizzazione della nostra storia e dei nostri prodotti. Riteniamo, inoltre, che puntando sulle potenzialità di Andria non facciamo altro che creare un attrattore affinchè un avventore occasionale possa diventare un consumatore abituale”, conclude Claudio Sinisi, delegato Confcommercio Andria.