“Giornata Onu del ricordo delle vittime della strada”, il 19 novembre a Piazza Catuma uno stand della Croce Rossa di Andria

cri-andriaAlcool? No, guido! Un’iniziativa della Croce Rossa Italiana per la “Giornata Onu del ricordo delle vittime della strada”. La Croce Rossa di Andria, visti i numerosi e incessanti incidenti stradali verificatisi in particolare durante la scorsa estate, si è mobilitata attraverso un progetto mirato a sensibilizzare i giovani (e non solo) nell’ambito della sicurezza stradale per far sì che gli stessi vengano a conoscenza dei rischi e pericoli legati all’assunzione di alcool/sostanze stupefacenti. A tal proposito la componente giovani del comitato C.R.I. di Andria ha elaborato un progetto attraverso cui si vuole portare i giovani, in particolare della fascia d’età compresa fra i 13 e i 30 anni, alla consapevolezza delle drammatiche conseguenze dovute all’uso/abuso di bevande alcoliche, sostanze stupefacenti e altre droghe.
Il 19 novembre sarà l’occasione per celebrare la “Giornata Onu del ricordo delle vittime della strada”: a partire dalle 20.30 sarà allestito degli stand della C.R.I. in piazza Catuma, con la presenza di volontari che spieghino nel dettaglio, a tutti coloro che prenderanno parte all’attività, quali sono le conseguenze di un eccessivo consumo di sostanze che agendo sul sistema centrale influiscono, a loro volta, in maniera prepotente sulla guida.

All’utente avvicinatosi allo stand verrà somministrato un questionario con domande inerenti al tema su citato. Una volta terminato il test, grazie all’ausilio di una “maschera Alcoolvista”, l’utente prenderà parte ad un percorso con ostacoli per far capire quanto sia difficile compiere un gesto apparentemente semplice sotto l’effetto di sostanze. Inoltre, chiunque voglia provare che significa sottoporsi all’alcool test, potrà far uso dell’etilometro, grazie anche alla collaborazione di un Agente di Polizia in borghese. Solo attraverso un’educazione alla consapevolezza del rischio, si può diminuire il tragico bilancio di vite spezzate per comportamenti irresponsabili.

Lucia M. M. Olivieri
Addetto Stampa
Croce Rossa Italiana – Comitato di Andria