Giovani Democratici di Andria: “fortemente conviti nel sostenere Nichi Vendola”

Domani 24 gennaio, l’importante appuntamento con le elezioni primarie per la scelta del candidato alla presidenza della regione Puglia ci coglie con le idee molto chiare in merito.

Contrariamente a ciò che sostengono dal palazzo centrale del Partito Democratico, noi Giovani Democratici di Andria ci sentiamo fortemente conviti nel sostenere la candidatura del Presidente uscente Nichi Vendola. Crediamo fortemente nella sua riconferma, nella riconferma di una continuità di governo che in questi cinque anni ci ha fortemente lusingato e onorati nel sentirci parte di una Puglia che è rinata, che è stata rivalutata e rigenerata da un quinquennio anonimo del governo passato del centro-destra.

Inutile ribadire come le politiche giovanili adottate dal governo Vendola hanno affermato la Puglia in prima linea in Europa come modello di eccellenza e innovazione dell’investimento sulle giovani risorse umane. Potremmo continuare ad elencare la grande crescita del turismo, dei trasporti, delle energie rinnovabili, delle politiche sociali, ma il segno più incisivo della nostro sostegno a Nichi Vendola è la pubblica adesione alla sua candidatura.

Rimarchiamo alcuni errori commessi dall’altro candidato appartenente al nostro partito Francesco Boccia. Innanzitutto non ci sentiamo di sostenere un candidato che non ha saputo dare risposte a noi giovani andriesi in quanto totalmente assente in Andria in questi giorni di campagna elettorale flash per le primarie. Forse la sua presenza qui poteva essere risolutiva nel sciogliere alcuni dubbi che ci siamo posti sulla sua candidatura e allo stesso tempo avrebbe rappresentato un segno di interesse per una terra come Andria che ha bisogno da tempo di ricevere risposte politiche anche da lui.

In secondo luogo ci è dispiaciuto vedere come Francesco Boccia ha apertamente e autonomamente supportato l’iniziativa autonoma della candidatura di Giovanna Bruno a sindaco avvenuta al di fuori degli schemi di partito. Probabilmente una diversa presa di posizione dell’onorevole Boccia nei confronti di Giovanna Bruno, persona che noi stimiamo fortemente ma di cui non condividiamo la scelta intrapresa, avrebbe portato a una risoluzione diversa della questione cittadina.

Prendiamo atto invece della scelta coraggiosa e autorevole di Nunzio Liso e alla sua candidatura alle primarie riconoscendolo come persona assolutamente rappresentativa del centro-sinistra andriese, con il giusto bagaglio di esperienza in ambito amministrativo e politico tale da poter intraprendere un importante cammino che ci vedrà come suoi sostenitori e interlocutori.

Gianfranco Cannone

a nome dei Giovani Democratici Andriesi