Governance, Reti Ecologiche, Filiere e Multifunzionalità agricola. Prospettive. Incontro ll’ITA di Andria il 16 dicembre

L’amministrazione Provinciale Barletta-Andria-Trani, tra le finalità preposte alla propria attività di gestione del territorio, con i propri settori che comprendono l’Agricoltura, l’Ambiente, Assetto del Territorio,  il giorno 16 dicembre alle ore 9,30 presso l’Auditorium dell’Istituto Tecnico Agrario di Andria,  come da programma allegato, ha inteso promuovere un incontro specifico ed attuale sul Distretto Rurale il quale costituisce un’occasione di riflessione molto importante sul rapporto tra pianificazione territoriale di coordinamento provinciale delle Reti Ecologiche e del Progetto Strategico Territoriale “PST9 Rete multi-funzionale Rurale”, gestione produttiva in ambito di filiere, multifunzionalità, come elementi fondanti per il raggiungimento della sostenibilità economica ed ambientale del distretto rurale. Se opportunamente regolamentati con uno specifico provvedimento del Governo Regionale, i Distretti possono rappresentare un’altra opportunità per gli agricoltori per consentirgli di  godere di diversi vantaggi come la fiscalità di distretto   promuovendo, nel contempo, attraverso il metodo della concertazione, quel sostegno, sviluppo economico e sociale dell’agricoltura oltre che  dei sistemi agro-alimentari secondo le vocazioni produttive del territorio, puntando ad assicurare la tutela delle risorse naturali, della biodiversità, del patrimonio culturale e del paesaggio agrario e forestale. Ma i distretti possono rappresentare anche una grande opportunità per favorire lo sviluppo dell’ambiente rurale, privilegiando le iniziative dell’imprenditoria locale, anche con il sostegno della multifunzionalità dell’azienda agricola con particolare attenzione alla tutela ambientale e paesaggistica, anche allo scopo di creare fonti alternative di reddito.

Al riguardo il Presidente Giorgino ha dichiarato: L’iniziativa che il settore provinciale vuole promuovere, mira a favorire, sostenere e garantire un costante miglioramento della qualità dei sistemi agro-alimentari con particolare riguardo all’ambiente e al territorio; valorizzare le peculiarità dei prodotti e il rapporto fra prodotti e territorio, assicurare una adeguata informazione al consumatore e tutelare le tradizioni alimentari e la presenza nei mercati internazionali, con particolare riferimento alle produzioni tipiche, biologiche e di qualità,  senza dimenticarci che i Distretti  Rurali possono rappresentare un’altra grande opportunità per i giovani per favorire l’insediamento e la loro permanenza  in agricoltura, con  vantaggi per il sostentamento degli equilibri ambientali.” Infatti  tra le finalità che dovrebbero perseguire i distretti rurali c’è anche quella di favorire la cura e la manutenzione dell’ambiente rurale, anche attraverso la valorizzazione della piccola agricoltura per autoconsumo o per attività di agriturismo e turismo rurale o per favorire lo sviluppo sostenibile del sistema forestale.