“I consiglieri comunali andriesi pensino alle istanze dei cittadini e non alle poltrone, basta con i giudizi sui social” – VIDEO

“E’ stato davvero un sfogo perché mi sembrava davvero fuori luogo trovare il pretesto su una rilevanza che sveva una ricaduta su tutto il territorio” – rende noto la consigliera comunale andriese di opposizione Giovanna Bruno (Progetto Andria) in merito ad alcune sue dichiarazioni durante la seduta di Consiglio Comunale lo scorso venerdì, quando la stessa ad un certo punto di un suo intervento ha dichiarato che siamo ridicoli, maggioranza, minoranza, tutti” riferendosi agli attacchi avvenuti tra maggioranza ed opposizione, alcuni anche piuttosto gravi.

Si parla di attacchi sui social, attacchi bassi ad esponenti non presenti per problemi di salute o per questioni private. Questioni private, non dei cittadini, che invece pretendono altro e molto di più.

Stamane è stato il consigliere comunale di maggioranza, Benedetto Miscioscia (Noi Con Salvini) a dimostrare tutta la sua dissociazione in merito agli attacchi personali avvenuti nell’ultima seduta di Consiglio tra i banchi di maggioranza ed opposizione, affermando che, per un pelo non si era perso “un finanziamento di 300.000 euro per Andria a causa delle polemiche dell’opposizione, ordine del giorno ( “illuminiamo la Puglia Imperiale. Viaggio nelle Terre di Federico II tra storia miti e leggende”) poi approvato nonostante le difficoltà di dialogo.

Le parole della Bruno devono comunque risultare affermazioni che devono fare riflettere tutti i cittadini, sia che abbiano votato consiglieri di maggioranza che di minoranza: si parla forse troppo di “poltrone” (come la stessa Bruno ha riferito in tv) e forse si parla troppo di improbabili candidature nazionali o di una caduta dell’attuale amministrazione comunale sino ad ora mai avvenute. Nonostante tentativi di polemiche inutili, il Consiglio Comunale di Andria come anche il Sindaco e gli assessori sono ancora al loro posto. Alla maggioranza e all’opposizione non resta che fare un’unica cosa: gli interessi dei propri cittadini e non pensare alle prossime elezioni comunali o nazionali. L’invito da maggioranza ed opposizione è quindi quello di abbassare i torni ed applicare il giusto senso al Consiglio Comunale quale organo di discussione degli interessi dell’intera cittadinanza.

“Perdiamo tempo a rincorrere giudizi sui social, la politica non è questa. Io ho l’impressione che questa classe dirigente stia perdendo sempre più lo studio e la qualità del servizio politico. Se continuiamo su questa scia daremo un pessimo esempio – ha poi ricordato giustamente la Bruno.

“Rispetto su tutta la gente che ha investito sulle nostre capacità e sulle nostre figure affinché vengano portate avanti le loro istanze e non quelle che animano ciascuna di noi a pensare quale poltrona e quale sedia deve occupare – conclude la Bruno nell’intervista televisiva che linkiamo qui sotto (Fonte VIDEO: Canale YouTube di Tele Dehon):