“Il Gargano ben visibile da Castel del Monte: dote strategica di Federico II”

“Mi trovavo a pochissime centinaia di metri da Castel del Monte, sempre nell’area facente parte il territorio della città di Andria e ho notato la presenza del Gargano sullo sfondo mentre ammiravo la varietà della vegetazione presente nella macchia mediterranea murgiana. Uno spettacolo quello dell’Alta Murgia che in questo periodo dell’anno diventa particolarmente suggestivo: gli animali erano “silenziosi” segno di una coscienza istintiva dell’arrivo del periodo autunnale/invernale che evidentemente li spinge a limitare le proprie attività” – rende noto il reporter Nick Ferrara, autore tra le altre realizzazioni, anche della serie di documentari “Andria Antica – Scoperte e misteri della città” da tempo online su VideoAndria.com.

Per seguire tutte le puntante e tutte le iniziative della rubrica "Andria Antica" clicca Mi piace sulla nostra pagina!
- Prosegue dopo la pubblicità -

“Così,” – prosegue il reporter e documentarista – “con questo silenzio “rumoroso”, nella parte finale della pineta che collega i piedi del maniero federiciano fatto costruire da Federico II, non ho potuto fare altro, se non immortalare la mia prospettiva attraverso la macchina fotografica. Il risultato è ciò che vedete in foto: qualcosa di semplice e al contempo piuttosto emozionante”. 

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In lontananza, sullo sfondo, parte della penisola del Gargano era ben visibile, come è possibile scorgere anche nello scatto fotografico. A pochi metri, alle mie spalle, vi è la collina  a 540 metri sopra il livello marino sulla quale è stato costruito Castel del Monte. Un caso o forse l’ennesima testimonianza dell’eccezionale dote strategica di Federico II? Anche se non risulta ancora del tutto chiara la funzionalità di Castel del Monte, è evidente come l’autore dell’edificio fosse ben interessato a collocare il castello ottagonale li dove era possibile vedere in lontananza gran parte della “Terra di Bari” e, a quanto pare, anche buona parte del tavoliere delle Puglie. Chi all’epoca intervenne per la costruzione di Castel del Monte aveva evidentemente grandi doti strategiche e una spiccata sensibilità nell’osservazione del contesto paesaggistico del territorio”. 

“La presenza del Gargano ben visibile, è forse anche segno dell’aria insolitamente e sufficientemente pulita da essere piuttosto chiara nonostante gli interventi di inquinamento degli esseri umani, troppo spesso poco grati nei confronti della spettacolare quantità di flora e fauna presenti in questo territorio. Biodiversità che ci salverà dal declino. Sta a noi decidere se proseguire lo scempio del nostro territorio con la cementificazione selvaggia, l’abbandono rifiuti e la decimazione di piante ed animali autoctoni per questioni economiche e/o estetiche. Dobbiamo assolutamente salvare il nostro territorio”. La foto:

- Prosegue dopo la pubblicità -

-- Segui tutte le news in tempo reale! --
-- FACEBOOK --
ENTRA nel gruppo Facebook: --> CLICCA QUI
SEGUICI su Facebook clicca "MI PIACE" sulla Pagina di VideoAndria.com

-- WHATSAPP --
ISCRIVITI al Gruppo Whatsapp : --
numero:353-318-7906
- INVIACI Segnalazioni al numero
WHATSAPP:353-318-7906
-- Telegram --
- ENTRA nel Gruppo--> CLICCA QUI
- ISCRIVITI al Canale --> CLICCA QUI