Imbecilli di Natale: il centro di Andria bersagliato da potenti “botti”. Residenti indignati

Gli imbecilli, a quanto pare, non vanno mai in vacanza, nemmeno a Natale. Anzi, sembra che come al solito l’attimo feriale delle feste venga interpretato come incentivo a fare tutto ciò che si vuole senza regole e senza rispetto altrui. Inquinamento acustico, colpi di paura per bambini, persone deboli di cuore ed animali, sono alcuni degli effetti delle azioni dei soliti imbecilli che stamane hanno fatto esplodere in diverse occasioni e in diverse strade della città alcuni potenti botti che hanno fatto scattare inutilmente gli allarmi delle auto parcheggiate in prossimità delle esplosioni.

A segnalarci ulteriori casi sono stati anche alcuni cittadini indignati per l’accaduto che ci hanno scritto attraverso il servizio di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui).

Gli autori di questi gesti sono idioti due volte perché, oltre ad aver comportato danni ai loro concittadini, rischiano grosso vista la grande presenza di impianti di videosorveglianza per le vie del centro. Qualcuno ha infatti valutato l’ipotesi di sporgere denuncia visti i danni arrecati sia a livello acustico che psicologico.

Purtroppo questi episodi non promettono nulla di buono e sembra che a nulla o a poco siano serviti gli esempi negativi dello scorso fine anno, quando alcuni giovanissimi hanno perso le dita delle mani, quando alcuni cani si sono persi fuggendo per la paura e un dehor in corso cavour fu distrutto da un incendio a causa del lancio di alcuni esplosivi.

Altra cosa da chiedersi sarebbe se quelli esplosi stamane, vista la loro potenza, fossero “botti legali” ovvero utilizzabili durante le feste (anche se, a prescindere dalle autorizzazioni, lanciarli per strada quando i cittadini meno se lo aspettano sarebbe comunque un atto improprio).

L’amministrazione comunale può e deve fare molto tramite controlli in simbiosi con le forze dell’ordine e l’eventuale ordinanza anti-botti, ma l’ultima parola va comunque al buon senso dei cittadini.

Serve un cambio culturale, un uso intelligente delle proprie risorse e l’insegnamento giusto ai propri figli. I soldi andrebbero spesi per fare cose buone al prossimo e non per far male agli altri!