Incendio nell’avellinese: Carabiniere di Andria salva un’intera famiglia

Da Moschiano, piccolo centro dell’avellinese, arriva una buona notizia che documenta, una volta di più, lo spirito di sacrificio degli uomini dell’Arma dei Carabinieri, ed in particolare di un carabiniere di Andria, l’Appuntato Giuseppe Di Bari. Questi i fatti. Nei giorni scorsi in un deposito pieno di materiale di diversa natura è divampato un rogo. Alcuni passanti, visto il fumo e alcune donne in preda alla disperazione, hanno telefonato ai vari numeri di emergenza, e tra questi quello dei Carabinieri.

I primi ad arrivare sul posto sono stati proprio loro che, con mezzi di fortuna, hanno cercato di domare le fiamme e mettere in sicurezza persone e materiali, compresa una bombola di gas per uso domestico. Durante l’intervento i carabinieri hanno sentito il pianto di alcuni bambini che giungeva dall’abitazione, ormai quasi avvolta dalle fiamme.Così uno dei due militari si è diretto presso l’abitazione e tratto in salvo una zia ed i suoi nipoti. Uno dei due carabinieri protagonisti del salvataggio è un andriese, l’Appuntato Giuseppe Di Bari, e con lui l’Appuntato Giuseppe Sallustio. Dopo il salvataggio e la messa in sicurezza della famiglia i due carabinieri hanno dovuto far ricorso, a loro volta, alle cure dei sanitari a causa di una crisi respiratoria e dei fumi tossici inalati.

Le squadre dei Vigili del Fuoco di Avellino e delle cinque sedi distaccate hanno lavorato anche lunedì 24 luglio in condizioni estreme, per far fronte alle innumerevoli richieste di intervento arrivate da Montoro, Pietrastornina, Roccabascerana, Bagnoli, che sono solo alcune delle località interessate dagli incendi. La situazione più critica è stata registrata nel comune di Summonte, con le fiamme che hanno messo a rischio un ristorante con un maneggio, e hanno rischiato di arrivate a ridosso delle abitazioni. In questo caso, oltre la squadra di terra dei Vigili del fuoco si è reso necessario l’utilizzo di un mezzo aereo. VIDEO: