Incendio rifiuti nel centro abitato di Andria: individuati alcuni autori, ecco di chi si tratta

Ancora incendi di rifiuti ad Andria: stavolta intervengono le guardie federiciane guidate dal Professor Martiradonna che individuano gli autori. I volontari delle associazioni consorziate “Ambiente e/è Vita Onlus” e “Nat. Federiciana Verde Onlus”, infatti alle ore 12,30 dello scorso 10 giugno 2018 sono intervenuti per spegnere dei rifiuti incendiati ripetutamente depositati da alcuni signori che, affermano i volontari, sarebbero i “titolari di attività che vendono fiori e ceri“. Un volontario all’opera:

La Federiciana Verde Onlus, si è avvicinato ai Gazebo ed ha ammonito i titolari presenti ed ha esternato che non avrebbe più tollerato questo stato di fatto riferendosi al vergognoso riversamento dei rifiuti che potrebbe essere abitualmente differenziato utilizzando delle semplici scatole di cartone per introdurre all’interno fiori, vasi di plastica, steli vegetali, ecc. Il Responsabile delle GPGV Zoofile continua esternando che è assurdo che questi possono essere posti nei cassonetti di materiali differenziati e della Bio-Massa e per questo non avrebbe più tollerato che questi vengano incendiati. “Anche perché ci sono elementi che sprigionano, quando vengono incendiati, fumi cancerogeni– ha voluto ricordare Martiradonna.

I volontari federiciani assicurano l’intenzione di monitorare il sito costantemente almeno ogni domenica, perchè “vengono depositati rifiuti di ogni genere anche da gente che non ha niente da vedere con i gazebo e quindi a questi visto che i controlli sono frammentari si concede tutto con benevolenza“. Le operazioni di spegnimento sono avvenute non lontano dalla zona del cimitero comunale di Andria. La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).