Ipotesi deposito nucleare sulla Murgia, PD Andria: “l’amministrazione collabori per opporsi, gli enti locali possono formulare le loro osservazioni”

“La problematica legata all’eventuale stoccaggio di rifiuti e scorie nucleari, individuati inun’apposita mappa la cosiddetta “Cnapi”, redatta dalla Sogin ovvero la società che si occupa dello smantellamento delle vecchie centrali nucleari italiane, merita un immediato approfondimento eduna pronta reazione amministrativa” – osservano dal gruppo consiliare del Partito Democratico di Andria. Gli esponenti dem locali hanno quindi proseguito:

“In quel documento venivano individuate 67 aree che soddisfano i 25 criteri stabiliti nel 2014-2015. Si tratta di Comuni raccolti in cinque macrozone, che potremmo definire così: Piemonte (8 aree),Toscana-Lazio (24 aree), Basilicata-Puglia (17 aree), Sardegna (14 aree), Sicilia (5 aree). Nell’area compresa tra la Basilicata e Puglia figurano Potenza, Matera, Bari, Taranto e, tra gli altri,i comuni di Gravina e Altamura. Sebbene, quindi, non direttamente coinvolto anche il territorio di Andria risulta fortemente interessato, considerata anche la vicinanza con i comuni di Altamura e Gravina e soprattutto per la vicinanza dei siti individuati al Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Dopo che la notizia è stata resa pubblica, ad inizio gennaio, si sono registrate diverse posizioni politiche contrarie alla decisione. Il mondo ambientalista e il settore produttivo agropastorale e turistico hanno espresso fortiperplessità. Nei sessanta giorni successivi alla pubblicazione del 5 gennaio ha preso avvio la «consultazione pubblica».  Le Regioni, gli enti locali e i soggetti interessati potranno formulare le loro osservazioni e proposte tecniche alla Sogin. Si tratta di un momento decisivo anche perché è la prima volta che una consultazione pubblica diquesto tipo si svolge in Italia.Tra gli enti interessati a presentare proprie osservazioni vi è anche il Parco Nazionale dell’Alta Murgia (considerato che è un’area interessata come idonee allo stoccaggio di questi rifiuti radioattivi), ente che si sta adoperando per la presentazione di osservazioni tecniche per opporsi in maniera ponderata ed oggettiva a tale decisione. L’auspicio è che il Comune di Andria partecipi attivamente al gruppo di lavoro che collabora con Il Parco Nazionale dell’Alta Murgia e solleciti la Regione Puglia ad effettuare ogni analisi scientifica,sociale, ambientale ed economica per valutare l’impatto della scelta indicata per i siti distoccaggio. I consiglieri comunali del PD INVITANO il Consiglio Comunale a condividere le osservazioni depositate in Regione dal Parco Nazionale dell’Alta Murgia (tavolo tematico 5 e 8). Trattasi di osservazioni che analizzano gli effetti e le interferenze possibili che il sito di deposito delle scorie determinerebbe sull’habitat murgiano, suicorridoi naturali (anche all’esterno del Parco Nazionale), su flora, fauna e zone speciali diconservazione. Il sito di deposito comprometterebbe inoltre il turismo ed, in particolare, il turismo sostenibile, per cui vi è stato il riconoscimento con l’inserimento nella carta europea del turismo sostenibile (novembre 2019) per il Parco dell’Alta Murgia che rischia di essere annichilito da una scelta palesemente contraddittoria. La rete dei sistemi ricettivi e delle risorse presenti nel territorio riceverebbe un colpo ferale da una scelta di questo tipo. E CHIEDONO al Sindaco e alla Giunta del Comune di Andria di collaborare attivamente, come stabilito nella comunità del Parco, a definire il regolamento delle aree contigue al fine di valorizzare aree limitrofe (geositi, tra cuispicca la dolina gurgo) e offrire ogni garanzia alle potenzialità turistiche del nostro territorio vocato ad una agricoltura di qualità e un turismo sostenibile (candidatura geoparco Unesco) e, conseguentemente, diimpegnarsi nell’intraprendere ogni azione politica per la tutela ambientale, naturalistica,paesaggistica, archeologica e storica del nostro territorio e, più in generale dell’intera areaappartenente al Parco Nazionale dell’Alta Murgia, unitamente alla salvaguardia della salute deicittadini – concludono dal PD andriese.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.