“La Giunta di Andria non rappresenta la Lega” – scintille tra esponenti andriesi e pugliesi

Scintilline tra Lega Andria e Lega Puglia: gli esponenti locali del partito guidato a livello nazionale dal Ministro degli Interni Matteo Salvini non sembrerebbero molto concordi in merito al riconoscimento dell’avv. Magda Merafina quale rappresentante andriese del partito all’interno della giunta comunale (negli ultimi giorni, a seguito del nuovo rimpasto di Giunta, la Merafina è tornata a ricoprire il ruolo di assessore con deleghe a Socio-Sanitario, Diritti ed Equità Sociale).

“Il Gruppo Consigliare NOI con Salvini – Lega con Salvini di Andria, Stefania Alita e Benedetto Miscioscia,  accolgono positivamente la scelta del Sindaco Giorgino di voler imprimere una giusta e netta sterzata al restante periodo che rimane  dell’Amministrazione da lui guidata fino al 2020″ – si legge in una nota stampa diffusa nelle ultime ore dal gruppo andriese della Lega.

“Un percorso” – proseguono i leghisti andriesi – “avviato nel 2010 impregnato di successi e di cambiamenti per la nostra Città in termini qualitativi, infrastrutturali e di immagine, con clamorosi risultati elettorali per il centro-destra, che oggi, pur consci della situazione in cui versa il nostro Comune, determinata anche per le conseguenze  degli oltre 30 milioni di debiti fuori bilancio ereditati, dei tagli finanziari subiti e dall’evasione dei tributi da parte di oltre il 30% dei cittadini andriesi non in regola con i pagamenti di Tari, Imu e Tasi, chiede che la macchina amministrativa e la compagine politica in Giunta, lavorino di pari passo per risolvere e portare a compimento non solo i progetti già avviati, oltre le questioni più attuali che meritano la risoluzione nell’esclusivo interesse della nostra comunità. Noi, come già abbiamo dato dimostrazione di aver sempre fatto fino ad oggi, non porremo veti né faremo battaglie personali per biechi interessi individuali che non ci riguardano, ma saremo pronti per essere protagonisti di questa nuova fase di responsabilizzazione delle forze politiche facenti parte la maggioranza con la stessa coerenza che sta contraddistinguendo l’operato del nostro leader Matteo Salvini. Per noi i contenuti legati all’operatività e alla credibilità delle persone che decidono di aggregarsi e condividere il nostro percorso progettuale politico, nell’ottica di una crescita territoriale allargata, vengono prima di tutto, così come lo stesso Salvini sta dimostrando con la sua leadership. Per queste ragioni, aldilà delle valutazioni espresse dal  coordinatore provinciale Antonio Campana, riteniamo di riconoscere nella persona dell’avv. Magda Merafina la figura che possa meglio rappresentarci in seno alla Giunta non solo per la sua credibilità e professionalità che la contraddistinguono, ma anche per aver scelto di condividere con noi il futuro percorso politico progettuale della Lega, già avviato sul territorio dal 2015 con la prima elezione di un consigliere comunale nella persona di Stefania Alita, alla quale il Sindaco Giorgino ha voluto attribuire una delega specifica alle politiche per la persona”.

“Quanto al contenuto del comunicato del “nominato” coordinatore provinciale da parte del coordinatore regionale, senza una benché minima consultazione con la base degli iscritti, in effetti se qualcosa c’è da chiarire, forse, è il suo ruolo di responsabile provinciale che con il suo intervento, non solo ha inteso svilire e ridimensionare il ruolo dei consiglieri comunali eletti dai cittadini andriesi e non certamente nominati senza meriti, ma anche quello di una seria e stimata professionista, come l’attuale assessore Magda Merafina, da lui stesso precedentemente contattata, per coinvolgerla nel progetto politico territoriale di Noi Con Salvini. Sulla “meritocrazia”, poi, ci sarebbe da aprire un dibattito-confronto per comprendere quale significato abbia per lui tale termine, tenuto conto che deve ancora dimostrare quali siano i meriti politici a lui ascritti in questi tre anni, anche alla luce dei risultati poco brillanti conseguiti alle amministrative di Canosa di Puglia, Barletta e Margherita di Savoia, e non ultimo, del risultato delle politiche, vista anche la sua ingiustificata latitanza durante il tutto il periodo della campagna elettorale. Per il resto, se il segretario provinciale, fortificato dalla recente riconferma per meriti che non conosciamo e, cosa grave, senza nessun confronto con la base, intende imporre la sua linea politica, ribadiamo che con questo modo di fare non ci stiamo, piuttosto ne chiediamo le sue dimissioni. Per NOI, rispetto a chi preferisce interloquire e/o confrontarsi con altri rappresentanti di gruppi politici e/o altri consiglieri o ex consiglieri senza darne conto alla base e ai propri consiglieri, magari con l’intento di voler frenare o boicottare l’azione dell’amministrazione incomprensibilmente e maldestramente, vengono prima di tutto gli interessi dei cittadini andriesi” – concludono dalla Lega di Andria. Di diverso parere risulta invece il segretario Provinciale BAT della Lega Antonio Campana, che in un comunicato diffuso nei giorni scorsi riportava quanto segue:

“Il Partito politico Lega – Salvini Premier dichiara e mette in chiaro che, nella città di Andria (BT) non siamo rappresentati in giunta.  Il sottoscritto Antonio Campana Segretario Provinciale Lega – Salvini Premier BAT,  ritenuto opportuno chiarire questa diceria e chiacchiericcio da strada, commenta che: i giochi di palazzo, burattinai e burattini non interessano il nostro partito. Siamo un partito responsabile e continueremo a dare il nostro contributo a questa amministrazione senza aver mai preteso poltrone”.

“Noi poniamo i valori umani ed il rispetto altrui prima di ogni ragionamento politico, rispettiamo molto la base degli elettori e militanti che ci hanno dato e continuano a darci fiducia. Da noi vige la meritocrazia, l’impegno di chi crede nel progetto Lega e di Matteo Salvini (Ministro degli Interni e segretario federale). Chiunque voglia unirsi a noi per costruire un futuro migliore per il nostro paese e ben accetto, gli strateghi, opportunisti ecc. ecc. possono benissimo guardare altrove” – concludeva Campana. Pareri contrari anche dall’organizzazione regionale:

“Ribadisco quanto già affermato dal segretario provinciale Campana: pur essendo in maggioranza la Lega non fa parte della Giunta del Comune di Andria”, lo dichiara il segretario regionale della Lega, Andrea Caroppo“L’avv. Merafina, persona degnissima, non è però stata indicata dal partito a ricoprire la carica di assessore e in Lega le scelte non possono che essere condivise. Stop, dunque, a polemiche infondate e inutili”.