La nuova tecnica “andriese” per lo spaccio di droga: “scambio” dalla Fiat Panda in sosta. Un arresto

Il quotidiano e capillare controllo del territorio dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Andria, continua a portare positivi risultati nell’attività di contrasto e prevenzione alla microcriminalità del Comune Federiciano. Questa volta è stato assicurato alla giustizia, un pusher andriese, D.C. di 33 anni, censurato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il 33enne era monitorato da diversi giorni dai Carabinieri che erano venuti a conoscenza della sua tecnica di spaccio, che consisteva nel rimanere al volante della propria utilitaria, in sosta sulla pubblica via, per attendere l’arrivo di clienti e quindi effettuare lo scambio droga/denaro.

Così, ieri sera, D.C., è stato notato da una pattuglia, mentre alla guida della propria auto una Fiat Panda di colore nero, effettuava una sosta in via Saccotelli e Lotti. Mentre i militari percorrevano la stessa via al fine di raggiungerlo e sottoporlo ad un controllo, si rendevano conto che D.C. tentava di disfarsi di un involucro, lanciandolo dal finestrino. Tanto è bastato ai Carabinieri per bloccare il malfattore e recuperare così una busta in cellophane contenente 9 dosi di cocaina.

Condotto in caserma e sottoposto a perquisizione personale, il 33enne è stato trovato in possesso anche di una banconota da euro 20, ritenuta il provento dell’attività di spaccio. Le 9 dosi di cocaina, del peso di 4 grammi e la banconota sono state sottoposte a sequestro. Il pusher, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è finito agli arresti domiciliari in attesa di giudizio.

Fonte: Comando Provinciale Carabinieri Bari – Sala Stampa