La Regione Puglia “cancella” la provincia BAT

“A leggere il Rapporto Speciale Puglia sembra che il Referendum Costituzionale che prevedeva l’abolizione delle Province abbia dato un esito opposto al voto della gente nella BAT: infatti, la sesta provincia pugliese è scomparsa dall’agenda della Regione! Nonostante una Legge dello Stato del 2004, la 148, le elezioni e l’insediamento dei suoi organi del 2009, sembra proprio che la Renzi/Delrio abbia colpito solo ed unicamente la Bat: nella disamina che ne fa lo speciale di ItaliaOggi, la Puglia è divisa in cinque Province, la Provincia di Barletta Andria Trani non c’è più! A decretarne la cancellazione il vicepresidente della Giunta regionale, Loredana Capone” – lo rende noto il consigliere regionale Francesco Ventola (Direzione Italia).

“E meno male” – prosegue Ventola – “che a testimoniare la vitalità del nostro tessuto economico-produttivo – e non solo -, siano proprio le nostre aziende, i nostri imprenditori, i nostri professionisti, i tecnici e l’abnegazione del personale dei diversi settori in cui siamo leader o emergiamo. Le migliori piccole e medie imprese della Bat, ad esempio, sono inserite tra quelle della Provincia di Bari“.

“Non c’è promozione ed autodeterminazione che tenga, se l’identità del territorio e la unicità delle sue peculiarità vengono mortificate; fare bilanci, o esaminare l’export o i comparti di punta, l’innovazione e l’internazionalizzazione, impieghi e redditività, senza avere quel minimo di consapevolezza degli assetti istituzionali o geografici di un territorio che da anni si insegna già nella scuola primaria, non è ammissibile. Dopo otto anni di rappresentanza di settori importanti della Regione Puglia, questo, all’assessore Capone, non possiamo perdonarlo. Perciò mi auguro che si sappia e si voglia correre ai ripari” – conclude Ventola.