Legambiente Andria: “non abbiate paura delle coccinelle, si nutrono di parassiti”

“In questo momento alcune zone di Andria sono interessate da un curioso fenomeno di SCIAMATURA di COCCINELLE🐞🐞🐞 Non abbiate paura! 🌿 .Sono insetti utili, si nutrono di parassiti delle piante tipo gli afidi e poi PORTANO FORTUNA! ..o sfortuna se fate loro del male!” – così il circolo andriese di Legambiente in un post diffuso su Facebook:

🐞🐞🐞In questo momento alcune zone di Andria sono interessata da un curioso fenomeno di SCIAMATURA di COCCINELLE🐞🐞🐞Non…

Pubblicato da Legambiente Andria su Giovedì 4 giugno 2020

E’ bene comunque precisare, che non c’è nulla di cui preoccuparsi, anzi le coccinelle si cibano di parassiti, afidi e cocciniglie. Le coccinelle non sono assolutamente pericolose per l’uomo, per gli animali e per le piante, anzi, si rivelano spesso molto utili, anche in agricoltura. Sono impiegabili su piante in serra, in balcone e terrazzo, in giardino, nell’orto e nel frutteto, incluse le piante grasse, gli agrumi, le orchidee ecc. Tossicità e impatto ambientale sono assolutamente nulli, anzi, l’impiego di insetti ausiliari è doppiamente rispettoso dell’ambiente, perché, a differenza degli insetticidi, sia chimici sia biologici, non danneggia altri organismi viventi se non i parassiti che costituiscono il bersaglio. Certo in città e in casa, possono dare fastidio, ma per allontanarle può essere utile utilizzare farina fossile combustibile, canfora o mentolo. E’ consigliabile non usare insetticidi, soprattutto in casa, in quanto le carcasse delle coccinelle potrebbero attirare scarafaggi o altri predatori che aggraverebbero il problema. Ecco altre immagini e video inviato in Redazione da un nostro utente:

Altri video nella zona di Margherita di Savoia:

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo