Lorenzo Marchio Rossi: “avevamo contro tutta la nomenclatura del PD “di potere”, ora occorre lavorare insieme”

“Grande e, per alcuni “notabili” inatteso, il risultato della mozione Renzi al congresso provinciale PD Bat. In barba alle previsioni di quanti ipotizzavano un risultato misero, la mozione da me rappresentata ha riportato uno straordinario 35% che sicuramente porterà un riequilibrio nello scenario politico provinciale. Questo risultato è stato raggiunto grazie al lavoro di squadra coeso e leale dei tanti che, nei diversi circoli della provincia, hanno condiviso e supportato la mia candidatura alla segreteria provinciale” – è il commento di Lorenzo Marchio Rossi, eletto nella segreteria provinciale BAT del Partito Democratico.

Avevamo contro tutta la nomenclatura del PD “di potere” che non ha lesinato nulla e niente in termini di attività di moral suasion. Parlamentari nostrani e forestieri, assessore regionale, consiglieri regionali esterni al Pd, sindaci e intere amministrazioni comunali, tutti appartenenti all”area del PD del Presidente della Regione Puglia Emiliano; cosa che ovviamente aggiunge un carico di problematiche e ritrosie da parte dei più“.

“Dalla nostra parte avevamo l’entusiasmo, la determinazione e la passione di tanti militanti e simpatizzanti, gente comune, seria, leale e appassionata. Ringrazio sentitamente tutti e ciascuno per l’impegno profuso, un ringraziamento particolare va all’amico e consigliere regionale Ruggiero Mennea, promotore e primo sostenitore di questa mia candidatura. Una cosa è certa, questo è solo l’inizio di un progetto di più ampio respiro che ci vedrà protagonisti attivi nello scenario politico provinciale e non solo, nella speranza che da oggi in poi tutti lavorino per la crescita e lo sviluppo della nostra comunità. La politica deve tornare ad essere uno strumento e non un fine” – conclude Marchio Rossi.