Nel barese disagi per la chiusura della discarica di Conversano, Regione Puglia corre ai ripari

Disagi per molti comuni del barese a causa della chiusura della discarica di Conversano. al momento, non si registrano particolari disservizi nella vicina Provincia di Barletta-Andria-Trani (anche se a Bisceglie, nei giorni scorsi, era stato momentaneamente interrotto il servizio di raccolta dell’indifferenziato per una sola giornata). In particolare, i più in difficoltà sembrano essere coloro che consumano pannolini e pannoloni. Sulla questione è intervenuta anche la Regione:

“In riferimento alle criticità gestionali del ciclo dei rifiuti, registrate nella provincia di Bari, si evidenzia che le problematiche risultano attribuibili all’esercizio dell’impianto complesso di Conversano Ba/5 a causa della sospensione dei conferimenti nelle discariche per il mancato superamento delle analisi di ammissibilità dei rifiuti”. Lo rende noto Anna Grazia Maraschio, assessora all’ambiente, che prosegue:

“L’Ager sta individuando soluzioni alternative per il conferimento dei rifiuti indifferenziati in altri impianti disponibili, provvedendo anche alla verifica del funzionamento dell’impianto pubblico di Conversano nell’ottica della ripresa ordinaria dei conferimenti nelle discariche. L’Assessorato – prosegue Maraschio – si è tempestivamente attivato su istanza dei Comuni per supportare le attività citate, valutando eventuali provvedimenti straordinari che possano offrire un’adeguata soluzione a tali criticità” Sulla questione interviene anche l’ingegnere Paolo Garofoli, direttore del dipartimento ambiente della Regione Puglia:

“Il problema emerso in queste ultime ore è stato causato dal deficit di performance dell’impianto complesso di Conversano, per il quale si prevede una deroga alle capacità di stoccaggio nelle aree dell’impianto per scongiurare emergenze nei territori. In considerazione degli esiti dell’attività specialistica di Arpa, verrà disposto ad Ager e al Gestore di adottare misure specifiche volte a ripristinare il corretto funzionamento dell’impianto, scongiurando future sospensioni dei conferimenti dei rifiuti indifferenziati prodotti dai Comuni”. Decisamente più duro il commento dell’opposizione di centrodestra:

“Dopo aver letto la dichiarazione dell’assessore all’Ambiente Anna Grazia Maraschio verrebbe da suggerirle che se davvero vuole supportare i Comuni si dimetta e ammetta che quel Piano dei Rifiuti, approvato solo poco più di un anno fa, è un fallimento, per altro annunciato visto che in aula cercammo di far comprendere che avremmo avuto più problemi di prima. In questa nuova fase emergenziale sarebbe anche il caso che il Piano non è solo fallimentare in sé, ma anche ideologicamente: siamo di fronte al paradosso che un governo che promette ai pugliesi un Ambiente pulito garantito dal PUBBLICO, poi utilizza solo ed esclusivamente impianti PRIVATI, e se qualcosa non funziona la colpa è appunto del gestore dell’impianto“ – commentano dal gruppo regionale pugliese di Fratelli d’Italia (il capogruppo Francesco Ventola e i consiglieri Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini e Michele Picaro) ha chiesto un’audizione urgente in Commissione Ambiente che aggiungono:

“Ma i fallimenti e le falsità dette pesano non certo sui veri colpevoli: i cittadini dei 39 Comuni che dovranno tenersi la spazzatura in casa non conoscono certo la Maraschio, conoscono il sindaco e con lui se la prendono, anche perché questo, incolpevolmente, è costretto a prevedere maggiori spese di traporto rifiuti e quindi alla fine non gli rimane che aumentare la TARI. Quindi, all’assessore Maraschio ricordiamo che il suo ruolo non quello di supportare i Comuni, ma risolvere per sempre il problema rifiuti in Puglia, con atti concreti e scelte strutturali non emergenziali. Nel frattempo che Ager, Assessorato e Dipartimento – con la speranza che fra loro dialoghino –  come Fratelli d’Italia, a firma del consigliere Michele Picaro, abbiamo chiesto l’audizione urgente in Commissione Ambiente non solo dell’assessore Maraschio, direttore Ager Gianfranco Grandaliano, del capo dipartimento Paolo Garofoli e del dirigente del Ciclo dei rifiuti, Antonietta Riccio, ma anche  del presidente Michele Emiliano perché le scelte politiche sono sue ed è giusto che venga in Commissione a metterci la faccia!”. A questo, si aggiunge anche la nota dei consiglieri regionali del Gruppo di Forza Italia Paride Mazzotta, Napoleone Cera, Massimiliano Di Cuia e Paolo Dell’Erba:

“Avremmo voluto sbagliarci, ma purtroppo siamo stati facili profeti quando invitammo la Giunta a procedere con calma e rigore per non compiere errori nella redazione del Piano Rifiuti. Il copione era previsto e prevedibile: il Piano, approvato in fretta e furia, è stato un totale fallimento. Un documento che non considera le emergenze del territorio e, dunque, nemmeno poteva essere in grado di gestirle. Quel che è peggio è assistere al “risveglio” dell’assessore Maraschio che solo ieri si è accorta che in Puglia c’è un’emergenza rifiuti vera, esplosa anche a causa del Piano che lei ha fortemente voluto. Eppure, la questione è nota dal 6 gennaio e il 9 dello stesso mese, pochi giorni fa, l’Ager ha invitato una nota diretta anche a lei con cui alzava bandiera bianca e suonava la sveglia alla Giunta regionale – osservano dal gruppo regionale di Forza Italia che aggiunge:

““Alla luce di quanto esposto –si legge nella missiva a firma del direttore Grandaliano-si ritiene necessario un intervento extra ordinem che consenta il superamento delle gravissime criticità rappresentate finalizzato a scongiurare il blocco dei conferimenti della frazione indifferenziata da parte dei Comuni con conseguente sospensione dei servizi di raccolta sui territori con conseguenti gravissimi disservizi per i cittadini”. Parole eloquenti che fotografano una situazione ormai fuori controllo, con i sindaci costretti a spiegare alle loro comunità le ragioni di disagi e disservizi di cui non hanno alcuna responsabilità. Ma l’assessore Maraschio dove era fino a ieri? I cittadini pagano una Tari fra le più alte d’Italia non certo per avere i rifiuti per strada”.

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale da Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo >https://t.me/andriabarlettatrani< da Instagram al seguente indirizzo >instagram.com/andriapuglia< oltre che da Facebook cliccando “mi piace” su >Facebook.com/VideoAndriaWebtv< e da Twitter al seguente indirizzo >twitter.com/videoandria<.  Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

#andria #andriesi #casteldelmonte #puglia #altamurgia #murgia #diretta #facebook #twitter #youtube #live #magazine #blog #andrianews #andrianotizie #bat #barletta #trani #barlettanadriatrani #network #cultura #cronaca #politica #minervino #corato #google #googlemaps #meteo #email #web #andriaweb #comunediandria #amministrazione #aggiornamenti #viabilità #denuncia #lavoro #residenti #quartiere #sanvalentino #piazzacatuma #oliodiandria – Andria notizie in diretta live in tempo reale dalla città. Una #città #Viva con #eventi #associazioni #sport #movida #giovani #ricca di #emozioni

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.