Nuova Andria: “Sant’Angelo dei Ricchi” espugnato!

Match da urlo al “Sant’Angelo dei Ricchi”! Distanti 1 sola lunghezza, 3ª e 2ª della classe, Nuova Andria e Torremaggiore si sfidano per mantenere il podio… con la speranza di guadagnare miglia dalla vetta.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Fuori Selvarolo, Piazzolla, Alicino e Salvemini per squalifica, Civita per lutto familiare, il tecnico andriese si affida ad un 3 – 5 – 2 d’emergenza con Scarcelli nocchiero di difesa.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nemmeno il tempo di cominciare, il sipario si è appena aperto, e i copioni pretattica finiscono subito sotto le ventole dell’agonismo.

A 3 minuti dal via, Lomonte si avventa sulla rimessa sbilenca di Padalino: il sinistro finisce di poco sulla traversa. I ritmi sono altissimi! Dopo 1 solo giro di lancetta, Morra si scopre tutto solo, improvvisa la girata, ma Bertoni fa buona guardia.

- Prosegue dopo la pubblicità -

La ripartenza andriese è rapidissima, un paio di 1-2 fulminei e Magno si ritrova tu per tu con l’occasionissima del vantaggio… l’appuntamento salta clamorosamente!

La Nuova Andria non demorde. Minuto 10°: De Lorenzo scambia con Lorusso, corre in mezzo a coglierne il suggerimento , la sforbiciata finisce alta di un nulla.

L’avvio infuocato si spegne improvvisamente, e la sfida torna su binari decisamente più tattici.

A beneficiarne è il Torremaggiore. In 4 minuti Catalano ci prova ben 2 volte, ma in entrambi i casi la mira è imprecisa.

Si chiude così un 1° tempo intensissimo, ma bloccato sullo 0-0.

Parte la ripresa, ma i biancazzurri paiono subito a corto di benzina; De Lorenzo cede il posto a Di Canio, ma la truppa foggiana ingrana la 5ª, e la diga di casa barcolla pericolosamente. Mr. Reggente (su suggerimento dello squalificato Di Bari) ricorre subito al bastione Virgilio, ma il Torremaggiore è un fiume in piena, e il 4-4-2 resiste appena 9 minuti. Alla mezz’ora Morra abbatte Di Bari e Scarcelli, coglie al volo il rilancio di Padalino ed insacca l’1-0!

In campo anche la scialuppa Bianchino, ma la frotta andriese solo al 40° riesce a riemergere dalla propria metà campo. Al “Sant’Angelo” però, piove sul bagnato e succede l’incredibile! Di Canio nettamente strattonato in aria da Cordone, è ammonito per la 2ª volta per simulazione; Scarcelli si fa scappare una parola di troppo, e in 1 solo minuto i padroni di casa perdono 2 uomini.

Rimasti in 9, sotto di 1 gol e privi di una bussola, i biancazzurri si rassegnano al 2° k.o. di fila, il 1° casalingo.

L’ancora alla vetta finisce preda degli abissi e la Nuova Andria affonda a – 4 dalla 2ª posizione.

Addetto Stampa Nuova Andria

Francesco Roberto