Nuovo stato di agitazione del personale del Comune di Andria, oggi incontro

Le sigle sindacali territoriali di FP CGIL, CISL FP, UIL FPL, C.S.A., U.S.B., RSU,  unitamente alla R. S. U. del Comune di Andria, con un comunicato diffuso negli ultimi giorni dichiarano lo “stato di agitazione del personale” dell’Ente Locale e la contestuale convocazione di un “Assemblea sindacale pubblica” da tenersi per il giorno 30 marzo 2017, dalle ore 16 alle ore 18 presso la Piazza Umberto I negli spazi antistanti il Palazzo di Città in Andria.

Le motivazioni di tale Assemblea riguardano il superamento di problematiche sindacali su riguardano particolari istituti contrattuali nonché, adempimenti unilaterali assunti dalla Giunta Comunale di questa Città e “senza l’opportuno coinvolgimento delle OO. SS. e della RSU soprattutto su temi di particolare rilevanza, inerenti l’assetto organizzativo dell’Ente con possibili ripercussioni negative sui servizi erogati ai cittadini”.

A tal fine, le sigle sindacali territoriali richiedono risposte urgenti in merito, tenuto conto che l’Assemblea deciderà in merito al proseguo delle iniziative consequenziali da assumere: valutazione e successiva liquidazione Performance 2015; approvazione del nuovo Contratto decentrato scaduto e non rinnovato; la verifica e revisione del regolamento PEO; la verifica della funzionalità delle macrostrutture e nuovo assetto organizzativo deliberato dall’Ente, che, secondo le sigle sindacali “sta generando confusione di ruoli e conflitti interni tra il personale con disservizi ai cittadini; costituzione del Fondo 2016 e 2017; rideterminazione delle Posizioni Organizzative attribuite e non in linea con la nuova organizzazione dell’Ente soprattutto in riferimento alla valutazione delle fasce e pesature economiche connesse alle responsabilità e complessità delle medesime”.