Orti sociali e oggetti riciclati, così Andria fa scuola presso l’Istituto “Rosmini” e nel plesso “Giovanni Falcone” – i VIDEO

Una bellissima esperienza che, ci auguriamo, possa essere soltanto l’inizio di una nuova speranza per il futuro nel rispetto dell’ambiente e nella cultura dell’autoproduzione di cibo. Per applicare questa importante sensibilità nei più piccoli, i volontari di Legambiente, con la collaborazione dell’Istituto Tecnico Agrario “Lotti-Umberto I” e alcuni ospiti della comunità Migrantesliberi hanno concretizzato un progetto ambizioso: trasformare alcune aree all’aperto della scuola 8° Circolo Didattico “Rosmini” e del plesso associato intitolato a Giovanni Falcone di Andria in aree per la coltivazione di ortaggi, abbinate a spazi dedicati a momenti ricreativi e all’attività didattica all’aperto con i giovanissimi studenti dell’istituto andriese.

Si tratta di un progetto intitolato “Stiamo… al Verde” che rientra nell’ambito dell’iniziativa “Regoliamoci” giunta al sesto anno, indetta dall’Associazione Libera. Nelle aree scolastiche riutilizzate per il progetto sono stati inseriti orti urbani sociali, panche e accessori costruiti riutilizzando pallet e altri componenti in legno, nonché decorazioni e oggetti creati riciclando elementi in plastiche e altri materiali. Nell’area soggetta al progetto sono state anche introdotte le compostiere promosse dall’amministrazione comunale per creare concime naturale riciclando rifiuti organici.  Una cultura del riutilizzo, del senso civico e dell’autoproduzione di risorse che probabilmente per gli adulti del domani risulterà superiore anche rispetto a quella di molti adulti di oggi. Un ringraziamento agli insegnanti, alla dirigente Celestina Martinelli, ai volontari del Circolo Legambiente “Thomas Sankara” di Andria, all’Istituto “Lotti“, ai migranti e a tutti coloro che hanno creduto in questo progetto. Sperando possa essere una prima di tante “rivoluzioni verdi” nel territorio. Linkiamo qui sotto un video realizzato dalla nostra redazione (a seguire un servizio televisivo dell’inaugurazione):

 


Orti sociali e oggetti riciclati, così Andria… di VideoAndria

All’inaugurazione erano presenti, oltre ai docenti e ai volontari di Legambiente, anche il Sindaco di Andria Nicola Giorgino, l’assessore Paola Albo, alcuni consiglieri comunali, e don Geremia Acri. Linkiamo qui sotto il video di un servizio televisivo locale (Fonte: Canale Youtube di Tele Dehon):

 

Ricordiamo che l’esperienza dell’orto sociale urbano ad Andria è nata con l’esperimento dell’orto nel Giardino Mediterraneo curato dai volontari locali di Legambiente, poi riproposto attraverso un secondo progetto anche nel quartiere periferico di San Valentino.

Per quanto riguarda le scuole, un progetto molto simile era già stato realizzato nel plesso “Don Tonino Bello” nel 1° Circolo “Oberdan” di Andria, sempre in collaborazione con i volontari locali. Oggi la cultura dell’orto sociale in città sta diventando una realtà sempre più diffusa in tutto il territorio della BAT. Basta un po’ di volontà per cambiare le cose per il meglio!