Pedofilo ad Andria, ecco come agiva. La Polizia diffonde ulteriori dettagli delle indagini

E’ di 9 nove anni e 4 mesi la condanna inflitta, al termine del rito abbreviato dal GUP del Tribunale di Trani, ad A.C., andriese di 23 anni, che, nel mese di agosto dello scorso anno, venne arrestato dal personale del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Andria, perché ritenuto responsabile del reato di violenza sessuale aggravata e continuata su due minori. Oggi, a distanza di alcune ore dalla sentenza, la PS ha pubblicamente diffuso del materiale relativo all’operazione:

La stringente attività d’indagine, condotta in collaborazione tra il Commissariato di Andria ed il Compartimento di Polizia Postale di Bari e coordinata dalla Procura della Repubblica di Trani, aveva consentito di far luce e porre fine alla condotta efferata di un giovane aduso ad adescare minorenni (di età inferiore ai quattordici anni) allo scopo di indurli a compiere atti sessuali con lui o alla sua presenza, sia attirandoli presso la sua abitazione ad Andria, sia costringendoli ad usare l’invio di video ed immagini tramite il canale di messagistica whatsapp, usando spesso toni intimidatori, quando non minacciosi. Alcune delle biciclette coinvolte durante gli episodi:

Inoltre, A.C. nell’arco di tre anni, nella villa comunale di Andria aveva più volte avvicinato diversi minori, anche molto piccoli, suscitandone interesse e curiosità, utilizzando l’ escamotage della sua bicicletta bmx.

Il ragazzo, cui furono applicate misure personali, è stato anche condannato in perpetuo all’interdizione dai pubblici uffici e da qualsiasi ufficio attinente alla tutela, alla curatela ed all’amministrazione di sostegno, oltre che da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o in altre strutture frequentate prevalentemente da minori.

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).