Quanto inquinano i fuochi d’artificio?

40, 60 minuti (forse anche piu’) di fuochi d’artificio ininterrotti vi sembrano forse normali? Di solito, ogni anno discutiamo delle potenziali gravi conseguenze che possono causare quei 10 minuti di fuochi d’artificio a Capodanno, ma cosa dovremmo pensare quando questi vengono esplosi in altre occasioni e con tempistiche anche superiori? Analizziamo nello specifico il fenomeno:

Quanto costa questa inutilità per catturare l’attenzione di chi? In che modo sensibilizza l’animo umano? Cosa impareranno i giovanissimi se non che “l’arte” dell’esplosione va continuata nel tempo (ogni anno, decine di ragazzini restano feriti nel tentativo di emulare accensioni di fuochi)? Quanto inquinano i fuochi d’artificio? Quanti danni causano agli animali selvatici (come ad esempio uccelli e piccoli mammiferi) e domestici (come ad esempio cani, gatti, cavalli, mucche) che nelle ore serali cercano di riposare come natura comanda? Inoltre, forse non tutti ricordano che la combustione dei fuochi d’artificio può aumentare in misura notevole, almeno per breve tempo e a livello locale, la concentrazione di polveri fini (PM10) considerati cancerogeni per l’organismo umano (e non solo umano). Mentre tante facce “umane” con molta probabilità, sorridono davanti a questi “spettacoli”, altre creature sono troppo spesso costrette a subire l’ennesimo ingiustificato disagio. Ma l’importante è festeggiare, chi segnala i disagi, purtroppo, resta un “guastafeste”. Invitiamo tutti a boicottare iniziative che coinvolgano l’utilizzo di questi “fuochi”, per un futuro piu’ civile, pulito e rispettoso per tutti. Ovviamente, la nostra è soltanto un’opinione arricchita da alcuni dati di fatto, ognuno è libero di fare quel che vuole (nel pieno rispetto della Legge).

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).