Raccolta olive ad Andria minacciata dai furti dei predatori. Agricoltori disperati organizzano ronde e chiedono un vero tavolo tecnico per la sicurezza nelle campagne

Gli aderenti del C.L.A.A.(Comitato Liberi Agricoltori Andriesi) e non denunciano ad alta voce la presenza di molti predatori di olive presenti ogni giorno nelle periferie della Città di Andria:

Dopo qualche mese dal corteo per la Legalità che si è svolto nella Città di Andria, dove il comitato C.L.A.A. ha partecipato in prima fila con i suoi associati, oggi ritorniamo a parlare dello stesso argomento che sembra per i predatori molto difficile da comprendere. Avendo Andria un agro molto grande, dovrebbe essere costituito realmente, non solo giornalisticamente, un tavolo tecnico che dovrebbe far unire tutte le sinergie delle forze armate. A giorni il C.L.A.A. fisserà un incontro con un esponente molto importante dell’agricoltura Andriese per discutere di tutti i problemi che ogni giorno gli agricoltori e gli imprenditori agricoli sono costretti a superare, mentre chi dovrebbe realmente farlo è seduto negli uffici delle associazioni ad aspettare le tessere dei propri soci. Ogni giorno già da tempo gli agricoltori si sono organizzati con ronde sui propri appezzamenti per difendere il proprio prodotto sudato dopo due annate molto difficili per problemi inerenti alla siccità, alla gelata del febbraio 2018 e a tanti altri problemi vari.

Ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, immagini per la pubblicazione, mentre, per seguire tutte le news in tempo reale, è possibile partecipare al gruppo Whatsapp della provincia di Barletta – Andria – Trani oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).