“Regalino” di Natale ad Andria: la fioriera spaccata in Corso Cavour

Che nell’area pedonale di Corso Cavour ci fossero situazioni di danneggiamento, purtroppo, è cosa nota. Non è infatti la prima volta che le fioriere e le panche caratteristiche in pietra vengano danneggiate in modo considerevole da ignoti o da quelli che teoricamente dovrebbero essere definiti “incidenti“. Si, perché, come è possibile constatare nell’ultimo caso documentato nella giornata di ieri, difficilmente si potrebbe immaginare che il danneggiamento della fioriera in pietra posizionata nei pressi di un istituto di credito possa essere frutto dell’ennesimo atto vandalico ad opera di qualche minorenne dal cervello confuso. Piuttosto, viste le dimensioni del “taglio”, sembrerebbe che a danneggiare il manufatto possa essere stato un veicolo o qualcosa del genere.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Le foto sono state inviate alla nostra redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui).

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nelle immagini si nota bene il grave danneggiamento della fioriera:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Più in la, nella giornata di ieri, lo stesso pezzo danneggiato era stato posizionato sul marciapiedi, evidentemente in “attesa” di qualcuno in grado di recuperare il grosso frammento (recupero che dovrebbe essere stato effettuato nelle ultime ore):

Una domanda sorge spontanea: le forze dell’ordine sono riusciti ad individuare l’autore del danneggiamento? Magari attraverso l’ausilio degli impianti di videosorveglianza? Si è trattato di un incidente? Ad “occhio e croce” sembrerebbe di si e se così fosse forse andrebbero individuate soluzioni al fine da evitare che il danneggiamento di questi manufatti possa nuovamente ripetersi.