Reinserimento voucher, la Cgil lancia l’allarme. Deleonardis: “una vera e propria presa in giro”, domani sit-in davanti alla Prefettura di Barletta

 

- Prosegue dopo la pubblicità -

Si tratta solo di voci ma bastano per creare preoccupazione. Il Parlamento sarebbe pronto a discutere e approvare già nelle prossime ore norme peggiorative e sostitutive dei voucher nella manovra correttiva. La Cgil lancia l’allarme e si mobilita contro questa che è “una vera e propria presa in giro”, spiega il segretario generale provinciale Giuseppe Deleonardis.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Abbiamo scritto al Prefetto nei giorni scorsi per esprimere tutta la nostra preoccupazione rispetto all’ipotesi di interventi sulla manovra di bilancio che puntano a reintrodurre forme di lavoro non in coerenza con la legge che ha abolito i voucher. Alla dott.ssa. Clara Minerva abbiamo chiesto di farsi portavoce presso il Governo affinché si blocchi qualsiasi tentativo di reintroduzione di tale norma che legittima e implementa situazioni di fenomeni elusivi ma ora siamo pronti a scendere in strada contro questa presa in giro”.

Domani a partire dalle ore 10.00 la Cgil terrà un sit-in davanti alla Prefettura a Barletta affinchè il Governo ascolti le istanze del sindacato che poi sono quelle di migliaia di cittadini e lavoratori che nei mesi scorsi hanno firmato a favore dei referendum su voucher e appalti, voto previsto per il 28 maggio e saltato perché nel frattempo il parlamento ha approvato una legge che ha cancellato i voucher.

- Prosegue dopo la pubblicità -