Report Festività Natalizie: importante momento di condivisione C.A.V. “RiscoprirSi…” e cittadini che deve far riflettere tutti

Dal Giugno 2009 noi, socie del Centro Antiviolenza “RiscoprirSi…”, abbiamo iniziato le nostre attività sperimentali di prevenzione e contrasto alla violenza, in qualunque modo essa si manifesti, attivando una serie di servizi di sostegno ed empowerment rivolte alle vittime, ma anche una serie di eventi e modalità innovative rivolte ad informare e sensibilizzare i servizi e i cittadini del nostro territorio sul fenomeno violenza.
Perchè siamo convinte che la riduzione del danno da sola serve a poco…c’è bisogno principalmente di prevenire!

Poichè si tratta di un servizio nuovo per il nostro territorio, poichè la violenza è un problema sociale che interessa tutti, indipendentemente dalle distinzioni di sesso, età, razza, religione e quant’altro; e soprattutto poichè la violenza affonda le sue radici nella cultura del nostro Paese, riteniamo fondamentale avvicinarci, ascoltare, informare e sensibilizzare il più possibile l’opinione pubblica rispetto al fenomeno, nell’intento di farlo emergere e realizzare un cambiamento culturale, rendendo ogni cittadino parte attiva e protagonista di tale cambiamento.
In quest’ottica abbiamo deciso di festeggiare le prime festività natalizie di “RiscoprirSi…” cercando il contatto diretto con le persone, con i cittadini della nostra città, ma anche con i cittadini di alcune delle altre città in cui operiamo, allestendo stand informativi nella città di Andria (BT) durante la Vigilia di Natale, nella città di Canosa di Puglia (BT) e nella città di Corato (BA) il giorno dell’Epifania.
Scopi di tali eventi sono stati raccogliere fondi e, soprattutto, informare le cittadinanze sull’esistenza del nostro servizio e sul fenomeno violenza.
Abbiamo raccolto circa euro; 500.00 e distribuito centinaia di copie del nostro materiale informativo relativo ai servizi offerti, ai suggerimenti su come aiutare una persona che subisce violenza, ai diritti delle donne e ai diversi modi in cui la violenza si manifesta.
Abbiamo notato molta diffidenza e mancanza di informazione, molta paura a parlarne, poca consapevolezza della presenza anche nel nostro territorio di questo sconcertante fenomeno ed anche poche speranze per il futuro.
Abbiamo anche ricevuto tanti complimenti per il nostro progetto, ma anche tanti auguri vista la complessità e la pericolosità della “sfida” in cui ci siamo impegnate.
Fondamentale è stato il dialogo e il confronto instauratisi tra noi e le persone che si sono avvicinate ai nostri stand, che hanno richiesto informazioni, che hanno fornito suggerimenti ma anche espresso dubbi e critiche.
A questo proposito vogliamo sottolineare che la sensibilizzazione è rivolta maggiormente alle donne e ai bambini perchè la storia ci insegna che da sempre sono loro a subire maggiormente le violenze.

I fondi raccolti sono simbolo di un investimento che viene fatto da parte dei cittadini nei nostri confronti in quanto impegnate in una “sfida” e questo non fa che motivarci ancora di più nel continuare il nostro lavoro, nella speranza che, anche chi di dovere, si impegni e investa con noi.

Ringraziamo le amministrazioni comunali che hanno permesso la realizzazione di tali eventi, i mass media, i volontari e tutti coloro che vi hanno partecipato, soprattutto amici e parenti. Un particolare ringraziamento lo rivolgiamo agli Assessori del Comune di Andria, Leonardo Lonigro e Michele Roberto, del Comune di Corato, Francesco Caputo e Luca Cifarelli.
Un ringraziamento speciale va alla Dott.ssa Carmelinda Lombardi, Assessora Provinciale BAT, da sempre molto sensibile e disponibile a sostenere il nostro lavoro.
Da Presidente dell’Associazione voglio ringraziare sentitamente tutte le componenti dell’équipe che con grande impegno, giorno dopo giorno, a volte anche “spogliandosi” delle proprie vesti professionali, si mettono in gioco come donne e come persone.

La Presidente
Dott.ssa Patrizia Lomuscio