Rifiuti abbandonati ad Andria, triplicate le sanzioni: multe da 500 euro

Salgono a 500 euro, in misura fissa, le sanzioni per gli utenti che non effettuano la raccolta differenziata ed insozzano le periferie della città abbandonando i rifiuti lungo le strade. E’ quanto deciso dall’amministrazione comunale della città di Andria guidata dal Sindaco Nicola Giorgino.

La sanzione pecuniaria dunque quasi si triplica rispetto ai 177 euro attuali, e verrà applicata – come stabilisce la delibera di Giunta numero 155 del 13 ottobre scorso – per “tutti i casi di abbandono o di deposito incontrollato di rifiuti sul suolo e nel suolo ad opera di qualsivoglia soggetto”. La relativa ordinanza sindacale che, in esecuzione della delibera, permetterà al Corpo di Polizia Locale di elevare le contravvenzioni secondo i nuovi importi, è in via di adozione.

“Con questa misura-spiega l’assessore all’Ambiente, avv. Michele Lopetuso – vogliamo rendere più efficace la nostra azione per sanzionare queste condotte incivili che attentano alle condizioni di vivibilità degli ambienti urbani. L’abbandono di questi rifiuti nelle campagne, e lungo le strade comunali di periferia, non è più tollerabile, causa il degrado urbano e dell’igiene pubblica. La condotta incivile e selvaggia di questi barbari provoca così danni e costi a tutti coloro che, invece, effettuano la raccolta differenziata secondo i canoni più corretti”.