Ritardi nell’inserimento dell’SCMT sui binari, Emiliano da la colpa a “motivi economici”, mentre Ferrotramviaria: “la scelta è della Regione Puglia”

ferrotramviaria

“Installazione Scmt rinviata per questioni economiche” – ha dichiarato Michele Emiliano il quale in un incontro con i familiari delle vittime, spiegando loro che i ritardi dell’installazione dell’SCMT sarebbero dipesi dal fatto che si dovrebbe poi smontare il sistema di sicurezza dal binario unico per essere montato sulla linea doppia, attualmente in fase di realizzazione.  Ma arriva subito la replica di Ferrotramviaria:

“In riferimento alle dichiarazioni del Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, rilasciate questa mattina durante un convegno a Bari, è necessario fare alcune puntualizzazioni senza intento polemico ma solo ai fini di riportare la questione nei termini della corretta informazione” -lo rende noto Ferrotramviaria in un comunicato stampa.

Tutta l’infrastruttura gestita da Ferrotramviaria è di proprietà della Regione Puglia. I rapporti tra le parti sono regolati da un contratto di servizio nel quale è previsto che la sola attività di manutenzione spetti a Ferrotramviaria, la quale in quanto soggetto attuatore della Regione Puglia può solo provvedere all’esecuzione dei lavori, decisi dalla stessa Regione e con i fondi da essa stanziati. Quindi Ferrotramviaria non può decidere autonomamente sulla scelta delle opere da realizzare.

Del resto la Regione Puglia era a conoscenza dell’evoluzione dei lavori in corso, come affermato in un comunicato stampa diffuso il 12 luglio scorso.

Bisogna dare atto, comunque, alla Regione Puglia di avere investito oltre 80 milioni di euro sul sistema SCMT della propria rete ferroviaria e si appresta a investire almeno altri 150 milioni per attrezzare tutta la rete regionale, che si estende per oltre 700 km.

È quindi difficile comprendere come si possa affermare che bastavano poche centinaia di migliaia di euro per eseguire detti lavori sulla rete gestita da Ferrotramviaria.

Conveniamo quando si afferma che “esiste un principio nel nostro ordinamento che obbliga chi esercita attività pericolose ad adottare tutte le misure”, misure che potevano essere adottate dalla Regione Puglia, proprietaria dell’infrastruttura, in accordo con l’USTIF (Ministero Infrastrutture e Trasporti).

Infine, è appena il caso di ricordare che la Ferrotramviaria è presente sul territorio regionale dal 1937. E’ stata la prima ferrovia nel Mezzogiorno d’Italia, nel 1965, a elettrificare la rete ed è stata sempre considerata un fiore all’occhiello dell’imprenditoria pugliese, anche dalla stessa Regione Puglia” – conclude Ferrotramviaria.