Scorrazzano ad Andria con bici elettriche modificate, al via ai controlli per la regolamentazione

Non sappiamo se la maggior parte di essi siano brave persone o dei “poco di buono” ma fatto sta che chi viaggia in bici elettriche sottoposte a modifiche “clandestine” per consentire alle stesse di trasformarsi in veri e propri scooter privi di targa dovrebbe sapere che rischia di andare incontro a degli illeciti.

Situazioni che spesso hanno interessato anche le vie pedonali della città di Andria, con soggetti che, spesso noncuranti della presenza dei pedoni, sfrecciano a gran velocità tra le vie del centro, azionando forse degli acceleratori non a norma. Oltre alla eventuali presenza di modifiche, le attuali norme parlano anche di precise limitazioni per tutte quelle biciclette che superano potenzialmente i 25 Km/h di velocità e i 250W di potenza.

Le ultime disposizioni della Polizia Locale di Andria farebbero riferimento proprio alle Speed E-Bikes, o S-Pedelecs, vale a dire tutte quelle due ruote a pedali che eccedono i 250 W di potenza ammessi per la pedalata assistita e, di conseguenza, i 25 km/h di velocità massima entro i quali una e-bike dovrebbe rimanere.

La normativa europea 168/2013 spacchetta dunque la categoria L1e prevedendo una L1e-A per quelle bici che montano unità motore di potenza compresa tra i 250 ed i 1000 W ma che non superano i 25 km/h di velocità ed una L1e-B per quelle e-bike che hanno motori anche da 4000 W e velocità massima di 45 km/h. Va ricordato e specificato che questo genere di e-bike, senz’altro interessanti per chi debba servirsene per lavoro o per affrontare escursioni diverse dal normale uso urbano in pianura, sono trattate alla guisa di ciclomotori veri e propri e richiedono dunque un’omologazione specifica, oltre che un diverso rispetto delle norme secondo i codici italiani di circolazione rispetto alle e-bike tradizionali, considerate giustamente “solo” biciclette. La norma è consultabile gratuitamente presso gli indirizzi istituzionali dell’Unione Europea. Vedremo cosa accadrà ad Andria nei prossimi mesi. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).