“sei un andriese di altri tempi se…” da Facebook in pizzeria, dal virtuale alla “comitiva”

Oltre diecimila utenti nel 2017, iniziative, chiacchierate, osservazioni, segnalazioni e molto altro. Questo è quanto possibile constatare da un gruppo Facebook, “sei un andriese di altri tempi se...“, da alcuni anni presente online grazie ad un “esperimento” di Antonio “Tony” Tragno (che è anche il Presidente dell’Associazione “Onda d’Urto, Uniti contro il Cancro Onlus“) il quale, assieme ad amici e conoscenti, dedica del tempo per arricchire il gruppo con foto e segnalazioni online.

A volte si parla dei modi di dire e di fare tipici degli andriesi, altre volte si è parlato di un problema comune da risolvere e in quei casi Facebook si è trasformato in uno strumento utile a discutere sulla risoluzione di problematiche comuni: dal lavoro, all’ambiente, alla salute con qualche excursus sulla Storia del territorio e sui prodotti tipici. Un pò come Andria, “sei un andriese di altri tempi se...” raccoglie di tutto, unendo la cultura della tradizione alle usanze degli ultimi anni, a volte scherzandoci su, altre volte facendo profonde riflessioni.

Nel frattempo il gruppo si è allargato talmente tanto da richiedere l’introduzione di altri moderatori: Silvia, Daniela, Francesco, Isabella, Gianfranco, Luisa. Chi residente ad Andria, chi ad Andria c’è nato e cresciuto ma oggi è fuori per lavoro e/o per motivi personali, ma tutti accomunati dall’amore per la grande città federiciana, con tutti i pregi e i difetti che una grande città può avere. Un amore ricongiunto anche grazie al gruppo Facebook. E se la tastiera a volte può rivelarsi troppo fredda, Tony trova periodicamente una soluzione: una bella pizzata dal vivo con i membri del gruppo.

A inviarci le immagini è stato Francesco Natale, giovane imprenditore agricolo, anch’egli attivo sui social, molto spesso anche autore di varie segnalazioni inviate alla nostra redazione circa alcune problematiche e/o osservazioni inerenti alla città di Andria. Una bella squadra e la dimostrazione che i social se usati nel modo giusto, possono regalarsi attimi di gioia, collaborazioni e a volte anche soluzioni. Il bello è proprio questo: usare Facebook per cominciare a conoscersi e poi incontrarsi nella vita reale.